E’ arrivato un treno carico di …

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

E' arrivato un treno carico di … di Gianni Rodari

Gianni Rodari

Nella notte di Capodanno,
quando tutti a nanna vanno,
è in arrivo sul primo binario
un direttissimo straordinario,
composto di dodici vagoni,
tutti carichi di doni…
sul primo vagone, sola soletta,
c’è una simpatica vecchietta.
Deve amar molto la pulizia
perché una scopa le fa compagnia…
dalla sua gerla spunta il piedino
di una bambola o di un burattino.
– Ho tanti nipoti -, borbotta, – ma tanti!
e se volete sapere quanti,
contate tutte le calze di lana
che aspettano il dono della Befana. –
Secondo vagone, che confusione!
Carnevale fa il pazzerellone:
c’è Arlecchino, c’è Colombina,
c’è Pierrot con la sua damina,
e accanto alle maschere d’una volta
galoppano indiani a briglia sciolta,
sceriffi sparano caramelle,
astronauti lanciano stelle
filanti, e sognano a fumetti
come gli eroi dei loro giornaletti.
Sul terzo vagone viaggia la primavera col vento marzolino.
Gocce ridono e piangono sui vetri del finestrino.
Una rondine vola,
profuma una viola…
tutta roba per la campagna.
In città, tra il cemento,
profumano soltanto i tubi di scappamento.
Il quarto vagone è riservato
a un pasticcere rinomato
che prepara, per la Pasqua, le uova di cioccolato.
Al posto del pulcino c’è la sorpresa.
Campane di zucchero suoneranno a distesa.
Un carico giocondo
riempie il quinto vagone:
tutti i fiori del mondo,
tutti i canti di maggio…
buon viaggio! buon viaggio!
Giugno,
la falce in pugno!
Ma sul sesto vagone
io non vedo soltanto le messi ricche e buone…
vedo anche le pagelle:
un po’ brutte, un po’ belle,
un po’ gulp, un po’ squash!
ah, che brutta invenzione, amici miei,
quei cinque numeri prima del sei.
Il settimo vagone è tutto sole e mare:
affrettatevi a montare!
Non ci sono sedili, ma ombrelloni.
Ci si tuffa dai finestrini
meglio che dai trampolini.
C’è tutto l’Adriatico,
c’è tutto il Tirreno:
non ci sono tutti i bambini.
Ecco perché il vagone non è pieno.
Sull’ottavo vagone ci sono le città:
saranno regalate
a chi resta in città
tutta l’estate.
Avrà le strade a sua disposizione:
correrà, svolterà, parcheggerà da padrone.
A destra e a sinistra sorpasserà se stesso…
ma di sera sarà triste lo stesso.
Osservate sul nono vagone
gli esami di riparazione.
Severi, solenni come becchini…
e se la pigliano con i bambini!
Perché qualche volta, per cambiare,
non sono i grandi a riparare?
Sul decimo vagone ci sono tanti banchi,
c’è una lavagna nera e dei gessetti bianchi.
Dai vetri spalancati il mondo intero può entrare:
e’ un ottimo maestro per chi lo sa ascoltare.
Sull’undicesimo vagone c’è un buon odore di castagne,
paesi grigi, grigie campagne
già rassegnate al primo nebbione,
e buoni libri da leggere a sera dopo aver spento la televisione.
Ed ecco l’ultimo vagone,
è fatto tutto di panettone,
ha i cuscini di cedro candito
e le porte di torrone.
Appena in stazione sarà mangiato
di buon umore e di buon appetito.
Mangeremo anche la panca
su cui siede a sonnecchiare Babbo Natale con la barba bianca.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here