E io ho visto un uomo

Album

È contenuto nei seguenti album:

1966 Sei minuti all’alba

Testo Della Canzone

E io ho visto un uomo di Enzo Jannacci

…e io ho visto un uomo,
per caso, una sera,
svuotarsi di tutto
il suo dolore:
rumore di neon
che c’era in vetrina
si udiva soltanto,
in via Lomellina…
La gente guardava,
ma non domandava
se avesse qualcosa…
magari, un malore…
Un uomo che piange
non ha un volto duro:
il bavero è alzato,
la giacca, blu scuro;
ed era lì, solo,
e niente chiedeva:
e questo, la gente
non se lo aspettava!
Son quasi le sette,
le sette di sera;
e a casa, il marito
già aspetta la cena;
ma forse ha bisogno
d’un pò di comprensione…
E lascia la spesa,
e di lì non si muove.
Da un pò son passate
le sette di sera:
rientra e controlla;
il marito già c’era.
“Sai, Gino, son stata
a fare la spesa:
mi sono fermata
giù in via Lomellina;
perchè… ho visto un uomo…
piangeva da un’ora…
Ma forse, un balordo;
magari un malore!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here