E’ l’alba cupa del dieci aprile

Testo Della Canzone

E' l'alba cupa del dieci aprile di Canzoni politiche

Savona
Anno 1945

E’ l’alba cupa del dieci aprile,
sopra il crinale che porta a Saltino,
con passo stanco pel lungo cammino
con l’arme a spalla passano i partigian.

E’ la brigata “Gi Elle” montagna,
la “Santa Giulia” di Mario Allegretti
che va a scovar del tedesco la tana
che già vicina è ormai la libertà.

Son lunghi mesi che sono “banditi”,
da lungo tempo si senton fratelli,
la “brava” gente li chiama ribelli,
son Volontati della Libertà.

Ma è un giorno cupo quel dieci d’aprile,
la lotta è dura e voluto i migliori,
il comandante la morte ha ghermito
e i partigian piangono dal dolor.

Piangono muti il valore del forte,
trema sul labbro il suo nome ch’è gloria,
Mario Allegretti passato è alla storia
come gran cuore di capo partigian.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here