E tu com’eri – Marco Conidi

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

E tu com’eri – Marco Conidi

(M. Conidi – M. Mastrangelo – M. Conidi/ M. Mastrangelo)

Ognuno ha il suo passato
anche il più piccolo, anche chi è appena nato
anche chi non lo sa…
anche chi non lo sa…

Ognuno ha i suoi momenti da rincorrere
momenti in cui ha creduto
per cui ha pianto
per cui ha vissuto
e che tornare non vedrà…

C’è chi se lo guarda male il suo passato
per un amore che lo ha fregato
e che doveva tornare…tornare e non tornò mai
C’è chi se lo tiene a lato
come un pericolo come un agguato
come un amico di cui si era fidato
come un amico di cui si era fidato
e…non ci crede più

Ognuno ha il suo passato
anche un ladro o un drogato
che tornerebbe indietro
non ci starebbe più

E c’è chi invece senza il suo passato
non riesce a stare nemmeno un minuto
penso a mia madre che guarda le foto
e poi sorride…
E intanto passa anche lei
ma si che passa anche lei
anche la pioggia l’estate non dura
anche la pioggia l’estate non dura
e tutto se ne va…

Ma tu com’eri
mentre ti guardi allo specchio
e tu com’eri
e poi ricadi sul letto davanti a me
Ma tu dov’eri
in quei momenti in cui mi sono perduto
mentre mi guardi ti provi il vestito
e stai passando anche tu…

Ma chi lo sa com’è fatto un passato
miscuglio di facce lontane
guinzaglio senza cane, appeso là
Qualcuno vede il suo passato da un balcone
o dentro a quattro soldi di pensione
nel bianco e nero di un televisore di vent’anni fa

C’è chi il passato lo vuole ammazzare
c’è chi lo cerca per potersi scusare
e qualcun’ altro lo ha mandato a cagare e non ci parla più…

Ma tu com’eri
mentre ti asciughi i capelli
e tu com’eri
ma si che siamo belli
Ma tu dov’eri
quando per me non avevo rispetto
ma che ti frega, ti metti un rossetto e stai passando anche te…

Ma tu com’eri
mentre ti guardi allo specchio
e tu com’eri
e poi ricadi sul letto davanti a me
Ma tu dov’eri
tu che sembri nata apposta per programmare
e intanto passi ed io rimango seduto
e intanto passi ed io rimango seduto fermo qui a ricordare.

 

 

 
[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

INTRO: DO DO9 DO DO9 FA  FA6 RE4  MI4 RE4  x2
DO
Ognuno ha il suo passato
Anche il più piccolo, anche chi è appena nato
         FA        SOL
Anche chi non lo sa...
          DO
Anche chi non lo sa..
Ognuno ha i suoi momenti da rincorrere
Momenti in cui ha creduto per cui ha pianto
  FA   SOL       DO
Per cui ha vissuto, e tornare non vedrà
      LA-
C'è chi se lo guarda male il suo passato
     MI-
Per un amore che lo ha fregato
 FA         SOL      DO
Che doveva tornare, tornare e non tornò mai
      LA-           MI-
C'è chI se lo tiene a lato come un pericolo
Come un agguato
        FA                  MI-      RE-
Come un amico di cui si era fidato
        FA                  MI-      RE-          DO
Come un amico di cui si era fidato e non ci crede più
Ognuno ha il suo passato
Anche un ladro o un drogato
          FA        SOL
Che tornerebbe indietro
        DO
Non ci starebbe più
                LA-
C'è chi invece senza il suo passato
  MI-
Non riesce a stare nemmeno un minuto
  FA    SOL    DO
Penso a mia madre che guarda le foto e poi sorride
       LA-          MI-
E intanto passa anche lei, ma si che passa anche lei
        FA                  MI-      RE-        FA                  MI-
RE-
Anche la pioggia l'estate non dura anche la pioggia l'estate non dura
  DO
E tutto se ne và
    SOL FA  SOL       DO
MA TU COM'ERI MENTRE TI GUARDI ALLO SPECCHIO
    SOL FA  SOL       DO
E TU COM'ERI E POI RICADI SUL LETTO D'AVANTI A ME
            LA-                      MI-
MA TU DOV'ERI IN QUEI MOMENTI IN CUI MI SONO PERDUTO
        FA                  MI-      RE-
MENTRE MI GUARDI TI PROVI IL VESTITO
                 SOL  DO  DO9 DO DO DO9 DO
E STAI PASSANDO ANCHE TU...
SOLO: FA SOL DO SOL FA SOL DO  FA MI- RE- SOL
                DO
Ma chi lo sa com'è fatto un passato
       FA     SOL
Miscuglio di facce lontane guinzaglio senza cane
    DO
Appeso là....
       LA-
Qualcuno vede il suo passato da un balcone
       MI-
O dentro quattro soldi di pensione
  FA         SOL       DO
Nel bianco e nero di un televisore di vent'anni fa
           LA-
C'è chi il passato lo vuole ammazzare
        MI-
C'è chi lo cerca per potersi scusare
        FA                  MI-      RE-
E qualcun'altro lo ha mandato a cagare
     SOL    DO
E non ci parla più...
    SOL FA  SOL       DO
MA TU COM'ERI? MENTRE TI ASCIUGHI I CAPELLI
    SOL FA  SOL       DO
E TU COM'ERI? MA SI CHE SIAMO BELLI
            LA-                      MI-
MA TU DOV'ERI QUANDO PER ME NON AVEVO RISPETTO
         FA                  MI-      RE-
MA CHE TI FREGA TI PROVI UN ROSSETTO
SOL  DO
E STAI PASSANDO ANCHE TU..
MA TU COM'ERI? MENTRE TI GUARDI ALLO SPECCHIO
E TU COM'ERI? E POI RICADI SUL LETTO D'AVANTI A ME
MA TU DOV'ERI? TU CHE SEMBRI NATA APPOSTA PER PROGRAMMARE
E INTANTO PASSI ED IO RIMANGO SEDUTO
E INTANTO PASSI ED IO RIMANGO SEDUTO
FERMO QUI A RICORDARE...
FINALE: DO DO9 DO DO DO9 DO  sfumando



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here