Eco del pianto primigenio

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Eco del pianto primigenio di Giovanni Paolo II

di Karol Wojtyla

1. Hai portato l’unità dei desideri?
Come cogliere quest’ unità nella moltitudine degli attimi –
in ognuno dei quali la volontà può scindersi in bene ed in male
(volontà, volontà – un pianto primigenio copre il fondo della storia).
Sei tenero, sensibile – ogni scissione trova in Te uno spazio ed un’impronta.
Per noi resti sempre nel segno delle nostre scissioni.
Nel segno delle nostre scissioni risplende la Tua unità,
unione dell’Uomo e della Parola: con questa unità
Tu entri nelle scissioni sparse largamente tra noi –
scissioni sparse come si sparge il grano perchè sia fecondo
e cresca in abbondanza, cresca persino contro l’unità dell’uomo nella Parola.
Dopo anni e millenni Ti porteremo un’abbondanza di desideri,
Ti porteremo un’abbondanza di sconfitte
(volontà, volontà – un pianto primigenio copre il fondo della storia).
Il Tuo segno – segno delle nostre scissioni è divenuto
segno della nostra ricchezza.
In questo segno difendi la libertà: la libertà ci arricchisce.
Hai riempito il tuo segno con la nostra libertà.
La libertà può esserti nemica?
Camminiamo da tante generazioni – ognuno di noi cammina
incontro ad una libertà
che non neghi l’amore, ma d’amore sia colma.
Camminiamo da tente generazioni – ognuno di noi cammina
incontro alla sua libertà.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here