Er mercato de piazza Navona

">

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Er mercato de piazza Navona di Gioacchino Belli

di Gioacchino Belli 1834

Ch’er mercoledì a mmercato, ggente mie,

sce siino ferravecchi e scatolari,

rigattieri, spazzini, bbicchierari,

stracciaroli e ttant’antre marcanzie,

nun c’è ggnente da dì. Ma ste scanzie

de libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,

che cce vienghen’ a ffà? ccosa sc’impari

da tanti libbri e ttante libbrarie?

Tu pijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo

che ll’hai tienuto per cquarc’ora in mano,

dimme s’hai fame o ss’hai maggnato troppo.

Che ppredicava a la Missione er prete?

“Li libbri non zò rrobba da cristiano:

fijji, per ccarità, nnu li leggete”.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *