Er ritorno dalla guera

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Er ritorno dalla guera di Franco Califano

(di: Franco Califano)

Che so’ tornato a fa’…
Io non dovevo…
Sentivo de sbajà però corevo!

Eccome qua … so’ io… so’ ritornato…
e finita la guera finalmente
e pe’ fortuna io me so’ sarvato.
Aoh, nun dice gnente?

Si, so’ vestito ancora da sordato,
perché ho voluto ariva’ prima a casa,
pe’ fatte ‘na sorpresa!

Tu sei confusa,
io sto’ tremanno come un ragazzino
pe’ l’emozione d’essete vicino…

Me guardi fisso, ancora nun ce credi,
so’ tutto intero dalla testa ai piedi,
quarche capello ‘n meno come vedi,
la faccia stanca, qarche kilo ‘n meno,
ma ‘nzieme a te vedrai che me risano!

Un anno ar fronte sai, nun se cancella!
Tu invece, che ne so, sembri più bella!
Ma sai che nun te sei nemmeno accorta,
che stamo ancora fermi sulla porta?
Che nun m’hai detto manco “Bentornato”,
nun m’hai abbracciato!

Sembri ‘na donna che nun s’aspettava,
che l’omo suo dar fronte je tornava.
Tutto me sembri, forché emozionata,
anzi c’hai ‘n’espressione ‘mpaurita,
quasi preoccupa ta!

Oddio, ma ch’é successo?
Io sto’ a parla’ da solo come ‘n fesso,
la guera forse m’ha rincojonito

Ma no, ho capito!
Tardi, ma ho capito!
Quest’anno quarche cosa ha combinato!
Me guardi i gradi? Si, so’ Capitano!
Ero er più forte co’ le bombe a mano.

Sai che er coraggio nun m’è mai mancato,
volevo torna’ a casa graduato,
guarda quante n’ho vinte de battaje,
la vita mia pe’ ‘n pugno de medaje!

Quanno attaccavo,
sapessi li nemici che stennevo,
più ne vedevo e più ne castigavo.

Sai che ‘n sordato solo se è ‘ncosciente
po’ diventa’ in un attimo Sergente.
Poi nun t’ho scritto più…
avrai pensato: se lo so’ fatto, è morto e te saluto!

Proprio quanno pensavo ogni momento a te
quanno sognavo casa mia,
me feci la più ‘nfame prigionia,
nun te potevo scrive ‘n quer momento,
stavo in un campo de concentramento
a beveme li sputi der nemico,
come fossero gocce da spumante!

C’avevo già li gradi da Tenente!
Per fatto ch ‘ero er più indisciplinato,
le botte che ho beccato!
Ma te pensavo e sopportavo tutto
e me dicevo: “Lei starà soffrenno come ‘na matta
ormai quasi da ‘n anno!…”
Che so’ tornato a fa’…

Io non dovevo…
Sentivo de sbajà però corevo!
Tu nun ce devi ave’ nessun rimorso
perché pe’ sbajo fui dato disperso
e si te sei rifatta ‘n’artra vita,
mica hai sbajato! Armeno sei rinata!

Me lo sentivo, quanno ritornavo
solo che da ‘ste parti ce passavo
e so’ salito su’ pe’ sta’ tranquillo,
ma me ne vado senza fa’ macello!

No, nun di’ gnente!
Tanto er silenzio tuo m’è sufficiente
e poi… io devo avè sbajato porta,
forse chi cerco io, po’ esse morta!
‘Na donna che piagneva alla stazione
quanno partiva er Quinto Battajone.

Un anno fa’ ricordo ch’era notte
e lei strillava sopra ‘Ste Stellette
“perché ‘ste guerre ‘nfami e maledette!”
Una che me stringeva forte, forte,
pensanno alla mia morte!

Sì, sì, ho sbajato! Forse ho importunato!
Io cercavo ‘na donna,
che ‘n anno fa’ quanno salii sur treno,
se ‘nvento’ delle frasi disperate,
che dar cervello mio nun so’ più uscite,
“Sordato mio, lo so che c’hai coraggio,
ma nun anna’ ogni vorta all’arembaggio,
l’eroi so’ solo ‘n gruppo d’esaltati,
che moreno per esse’ decorati,
pensa a me qui da sola, nun fa’ er pazzo,
che si nun torni vivo io t’ammazzo!
Che si nun torni vivo io t’ammazzo!

Che so’ tornato a fa’…
lo non dovevo…
Sentivo de sbajà
però corevo!

Signora io sto’ tornando dalla guera
e c’ho er morale proprio sotto tera,
nun ce capisco gnente, abbia pazienza,
perdoni intanto questa mia invadenza,
io sono il Capitano… no, me correggo,
io so’ un Capitano, uno dei tanti Capitani ar monno,
è inutile ostentallo più ‘sto grado,
nun so’ nessuno, adesso me ne vado…

Oddio, ma sento piagne un ragazzino,
dev’esse appena nato, me fa’ effetto!
E maschio?
Je vada a compra’ subito l’ermetto…
oggi se nasce omini e se parte,
pe quelli fortunati c’è la morte,
pe’ quelli come me che so’ jellati allora so’ dolori,
vedi solo manciate de medaje
medaje sopra e sotto,
medaje ‘n capo al letto,
medaje dentro ar piatto,
medaje come queste che c’ho attaccate ar petto
che pe’ acchiappanne tante, me so’ giocato tutto.

Sa che ce faccio io
co’ ‘ste decorazioni che c’ho addosso?
Pe’ quanto so’ servite ar caso mio,
le posso buttà tutte dentro ar cesso
tanto la guera mia, la guera vera
è quella che dovrò combatte adesso…
uno… due… tre… passo!
uno… due… tre… passo!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here