Faceva il palo – Enzo Jannacci

Album

È contenuto nei seguenti album:

1966 Sei minuti all’alba
1972 Enzo Jannacci
1989 30 Anni senza andare fuori tempo
1998 Quando un musicista ride

Testo Della Canzone

Faceva il palo – Enzo Jannacci

(Walter ValdiEnzo Jannacci)
Parlato:
Faceva il palo nella banda dell’Ortica,
ma l’era sguercio, el ghe vedeva quasi pù:
e l’è staa inscì che i hann ciapaa senza fadiga,
i hann ciapaa tutt, ma propi tutt, foeura che lù.

Cantato:
Lui era fisso che scrutava nella notte
quand gh’è passaa davanti a lù on carabinier,
insòmma on ghisa, trii carriba e on metronotte,
gnanca una piega lú l’ha fà, gnanca un plissé.

Faceva il palo della banda dell’Ortiga,
faceva il palo perché l’era el sò mestee.

Parlato:
Così, precisi come quei della Mascherpa,
hinn restaa lì i sò amis, a vedè i carabinier,
han detto: « Ma come, porco giuda,
mondo cane: il nostro palo, brutta bestia, ma indove l’è ? ».

Cantato:
Lui era fisso che scrutava nella notte,
ha visto nulla, ma in compens l’ha sentì nient,
perché a vederci non vedeva un’autobotte
però a sentirci ghe sentiva un accident.

Faceva il palo della banda dell’Ortiga,
faceva il palo perché l’era el sò mestee

Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,
li han menà via ch’era già mo’ quasi mezzdì.
Lui sempre fisso, lì, a scrutare nella notte,
perché el ghe vedeva istess de nòtt come ‘n del dì

Parlato:
Ed è li ancora come un palo nella via,
la gente guarda, el ghe dà cent lira e poeu la va;
lui, circospetto, guarda in giro e mette via,
ma poi borbotta, perché ormai l’è un po’ incazzaa.

Ed è arrabbiato con la banda dell’Ortica
perché lui dice: « Non si fa così a rubar ».

Parlato:
Dice: « Ma come, a me mi lascian qui di fuori
e loro, loro chissà quand’è che vengon su;
e poi il bottino me lo portano su a cento lire:
un pò per volta, ma a far così non finiamo più.

Cantato:
No, no, quest chì è pròpi un lavorà de stupid,
io sono un palo, non un bamba, non ci sto più;
io vengo via da questa banda di sbarbati,
mi metto in proprio, così non ci penso più ».

Faceva il palo della banda dell’Ortiga,
faceva il palo perché l’era el sò mestee.

Faceva il palo della banda dell’Ortiga,
faceva il palo perché l’era el sò mestee.


[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
 A#
(Faceva il palo nella banda dell'Ortica, 

   A#
ma era sguercio, non ci vedeva quasi piu', 

         A#
ed e' stato cosi' che li hanno presi senza fatica, 

come dire, li hanno presi tutti, quasi tutti, 

Dm
tutti fuori che lui.)




Lui era fisso 

                      G7
che scrutava nella notte,

                   C7
quand gh'e' passa' 

                          D#m6
davanti a lu un carabinier

              A#
insomma un ghisa, 

                        G
tri cariba e un metronotte:

          F6
nanca una piega lu la fa, 

             A#
nanca un plisse'.

          Gm
Faceva il palo 

                     A#6
nella banda dell'Ortica,

          F                          A#
faceva il palo perche' l'era il so meste'.




(Cosi' precisi come quelli della 

                                  A#
Mascherpa sono rimasti li' i suoi amici a veder i carabinieri, 


han detto "Ma come, brutta lugia 

        Gm
vaca porca, il nostro 

      D#
palo, bruta bestia, ma dov'e' ??")




A#
Lui era fisso 

Dm
che scrutava nella notte,

G
l'ha vist na gota, 

C7
ma in cumpens l'ha sentu nient,

F7                  Bm
perche' vederci non vedeva un autobotte,

G                  Dm7
pero' sentirci ghe sentiva un acident.

A#                Gm                   G
Faceva il palo nella banda dell'Ortica,

                   Dm
faceva il palo con passione e sentiment.

A#            D#                          A#
Ci sono stati pugni, spari, grida e botte,


li han mena' via che era gia' mort quasi mesdi',

F7                   D#                G
lui sempre fisso che scrutava nella notte

             C7                               Dm
perche' ci vedeva i stess de not cume del di'.





(Ed e' li' ancora come un palo nella via,

G                   C7
la gente passa, gli da' cento 

            F7
lire e poi, poi se ne va...

Bm                             G
lui circospetto guarda in giro e mette via, ma poi 

         F
borbotta perche' ormai l'e' un po' arrabbia'.)




A#
Ed e' arrabbiato con la banda dell'Ortica, 

G                         Dm
perche' lui dice: "Non si fa cosi' a rubar !!

 A#             D#9
(Dice "Ma come, a me mi lascian qui di fuori

    A#
, e loro, e loro sa il 

  G
Signur quand' e' che vengon su...

F9               Fm6                        Gm
e poi il bottino me lo portano su a cento lire, 

                  C7
un po' per volta: a far cosi' non finiamo piu'!!!

A#                  Dm
No, no, quest chi l'e' proprio un 

                 G
laura' de ciula, io sono un palo, 

    C7                            F7
non un bamba, non ci sto piu': io vengo via da 

   Bm                    G
questa banda di pistola, mi metto in proprio, 

  A#
cosi' non ci penso piu'.)




                  D#                   G
Faceva il palo nella banda dell'Ortica,

                  Dm
faceva il palo perche' l'era il so meste',

A#                Gm
Faceva il palo nella banda dell'Ortica,

          C7             F7
faceva il palo, il palo, perche' l'era, 

              A#
perche' l'era il so meste'...

***

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here