Favola blues – Festival di Sanremo 1992

Introduzione

Indice

 

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Favola blues – Festival di Sanremo 1992

(Fabrizio Berlincioni, Mimmo Di Francia e Giuseppe Faiella)
Peppino Di Capri e Pietra Montecorvino

* Peppino Di Capri2008 Peppino Di Capri 50°

E piove e cerchi il mare:
l’ azzurro dei tuoi sogni e spazi più profondi,
una carezza condita di sale…
E piove e cerchi il mare:
sarà malato, forse un poco mosso, incerto,
ma hai bisogno di lui.
E piove e cerchi il mare:
un grido di gabbiani e sabbia tra le mani,
una conchiglia che faccia rumore…
E piove e cerchi il mare:
all’orizzonte dietro quelle onde eterne,
un tramonto non c’è.
Soffia il maestrale contro quella nave, dentro nei tuoi occhi:
che promessa esplicita!
Tienilo per mano, lui ti porterà lontano,
fino in Sud America.
Sono i sentimenti quelli a cui rispondi,
non impulsi stupidi.
Non lasciarti andare,
pensa di volare, lui sarà con te.
Mare senza fine, mare di balene, di coralli fragili,
mare di nessuno, mare di Nettuno, mare grande anima,
canto di sirene nella luce della luna a Nord-Est.
E piove e cerchi il mare:
le vele sottovento,
un marinaio attento ed una stella per farti orientare.
E piove e cerchi II mare:
l’ Oceano Indiano, il Mediterraneo ed il Mar Nero
fa lo stesso per te.
E piove e cerchi il mare:
il salto di un delfino,
un’isola vicino ed una rete per farti pescare.
E piove e cerchi il mare:
il suo segreto, forse una leggenda antica,
una favola blu, il suo segreto, forse una leggenda antica.

 



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here