Figli dei nostri figli

Album

È contenuto nei seguenti album:

1989 Varietà

Testo Della Canzone

Figli dei nostri figli di Gianni Morandi

(di Lucio Dalla)

Ecco la terra tanti anni fa,

quando c’erano i boschi e le città

il cielo blu, l’alta marea

e gli animali in quantità

le lunghe strade, la velocità

i grandi spazi e l’armonia

aveva coraggio e fantasia

ma all’improvviso l’uomo è andato via

là c’era la campagna tra il verde della collina

dove il tempo passava più lento

e il sole nasceva ogni mattina

e i figli dei nostri figli avevano un Dio che non c’è più

tu un poco gli rassomigli

non erano troppo diversi da come sei tu

noi delle stelle non abbiamo città

ci spostiamo leggeri qua e là

nell’armonia, nell’immensità

però ogni tanto torniamo qua in mezzo alle strade vuote

o seduti su una collina

ascoltiamo i discorsi mischiati al silenzio di una notte

senza mattina

“Torniamo in fretta a casa amore

è quasi notte, il sole è già andato giù”

“Adesso a letto presto figli

domani è un altro giorno”

Ma domani non c’è più.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here