Frankenstein

Album

È contenuto nei seguenti album:

1995 Il cielo della vergine

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Frankenstein di Marco Masini

Eri fin da piccolo il più brutto del quartiere
ti chiamavi Franco detto anche Frankenstein
io ti prendevo in giro con quel gusto un po’ crudele
dei ragazzi che hanno tutto e non gli basta mai
rosso di capelli e con i brufoli sul viso
verso i sedici anni eri già due metri e tre
uno spilungone che scopriva col sorriso
l’apparecchio ai denti e un cuore pieno di perché
tu mi difendevi roteando come pale
quelle mani enormi che non hai usato mai
per picchiare gli altri per paura di far male
e ora che la vita ti ha fregato e non lo sai…
Come stai vecchio Frankenstein
in un letto di ospedale troppo piccolo
tutti al bar ti salutano
e tu piangi grande e grosso come sei
Frankenstein quando guarirai
ti prometto compreremo quella zattera
e col mare la ferita si richiuderà vedrai
e t’insegnerò a nuotare nella vita Frankenstein
Franco torneremo la domenica allo stadio
poi la sera tardi finiremo in pizzeria
e saranno i sogni come sempre il nostro video
perché abbiamo dentro un sangue di periferia
perché abbiamo perso tutti quanti un ragazza
che ha sposato un altro bello e ricco più di noi
e Francesca non ha visto mai la tua bellezza
Franco perché l’anima Ú invisibile lo sai
ci ributteremo come pazzi nello studio
perché l’ignoranza Ú la peggiore malattia
piccolo anatroccolo più grosso di un armadio
che nascondi un cigno che vorrebbe volar via…
Frankenstein ora svegliati
non lasciarmi qui da solo come un bischero
Franco dai non arrenderti
dimmi che t’incazzi e questa volta ti difenderai
Frankenstein quando guarirai
verrò a prenderti con due puttane in macchina
e spenderemo in una notte
tutti i soldi miei e tuoi
prenderemo ancora a botte
questa vita Frankenstein

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
Fa                                Fa7+

Eri fin da piccolo il più brutto del quartiere

Fa        

chiamavi Franco detto anche Frankenstein

Solm                                        Fa/La

ti prendevo in giro con quel gusto un po' crudele

Sib                               Sib/Do

i ragazzi che hanno tutto e non gli basta mai

Fa                                Solm

rosso di capelli e con i brufoli sul viso

La7                              Rem                 Rem/do

verrso i sedici anni eri già due metri e tre

Sib7                 Sib6            Fa+9            Fa

uno spilungone che scopriva col sorriso

Solm                                        La4

l'apparecchio ai denti e un cuore pieno di perché

Rem                 Lam/do

tu mi difendevi roteando come pale

Sib7                 Sib6         Fa+9                Fa

quelle mani enormi che non hai usato mai

Sol                               Rem    

per picchiare gli altri per paura di far male

Rem/Si                         Sib/Do

e ora che la vita ti ha fregato e non lo sai...

Do6      Fa Lam/Mi Rem  Lam/Do Fa            Lam                  Soml7 Do9

Come stai vecchio Frankenstein in un letto di ospedale troppo piccolo

Solm La7 Rem
tutti al bar ti salutano

Rem/Do Remm/Si  Rem/Sib            Sib/Do            Do            Fa            Lam/Mi            Rem Lam/Do
e tu piangi grande e grosso come sei Frankenstein quando guarirai

    Fa                La7                   Sib6
ti prometto compreremo quella zattera

                        Sol7          Fa/Do Rem7    Solm7               Solm7/Do        Rem Lam/Do Sib7+ Sib6
e col mare la ferita si richiuderà vedrai e t'insegnerò a nuotare nella vita Frankenstein

 

 

Franco torneremo la domenica allo stadio
poi la sera tardi finiremo in pizzeria
e saranno i sogni come sempre il nostro video
perché abbiamo dentro un sangue di periferia
perché abbiamo perso tutti quanti un ragazza
che ha sposato un altro bello e ricco più di noi
e Francesca non ha visto mai la tua bellezza
Franco perché l'anima Ú invisibile lo sai
ci ributteremo come pazzi nello studio
perché l'ignoranza Ú la peggiore malattia
piccolo anatroccolo più grosso di un armadio
che nascondi un cigno che vorrebbe volar via..Frankenstein ora svegliati
non lasciarmi qui da solo come un bischero
Franco dai non arrenderti
dimmi che t'incazzi e questa volta ti difenderai
Frankenstein quando guarirai
verrò a prenderti con due puttane in macchina
e spenderemo in una notte
tutti i soldi miei e tuoi
prenderemo ancora a botte questa vita Frankenstein

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here