Giuvanneniello

Album

È contenuto nei seguenti album:

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Giuvanneniello di Peppe Barra

Giuvannenie’ Giuvanne guagliunciello ‘e sei sett’anne
mamma toia tene che ffà sette figlie addà campà
pirciò ‘a scola te vo’ mannà
Ma rint’a chesta scola nun te ‘mpare ddoie parole
dice ca nun saie parlà ca pirciò tesse ‘a scurdà
comme parla mammà e papà
Giuvannenie’ Giuvanne
già tiene a mente
ce sta chi parla bbuono
e chi malamente
Pirciò Giuvanneniello
‘sta scola ‘a lascia
ca po’ parlà chi tene ‘a mangiatora vascia

Giuvannenie’ Giuvanne ‘mmieza via a sett’ott’anne
unu ggioco lle piace ‘e fà isso corre annanze e va
e ‘n’ato arreto l’addà acchiappà
‘Stu ggioco ‘into quartiere ‘o fa sempe cu ‘o bbrigadiere
quanno chisto l’ha ‘ncappato ‘o secuta pure ‘o pato
ca ‘o culleggio l’ha priparato
Giuvannenie’ Giuvanne
mò hanno saputo
ca pure d
o culleggio te ne sì fuiuto
Però Giuvanneniello
miette ‘o penziero
e da dimane va facenno ‘nu mestiere

Nov’anne Ú unu mestiere ‘o guaglione addu ‘o barbiere
‘na semmana he ‘a faticà ma quatto sorde te vonno dà
e ‘o mazzo tanto te fanno fà
‘N’atu mestiere ‘o ‘ngarre ‘o guaglione rinto bar
curre cu ‘a guantiera ‘e tazze si nun curre ognuno se ‘ncazza
e te pavano a sputazza
Giuvannenie’ Giuvanne
sott’acqua e viento
se spogna ‘sta fatica e nun guaragne niente
Pirciò si cagna ancora
‘n’atu mestiere
so ‘mpara cu ‘e cumpagne ‘coppe Filangiere

Mò ferm’a ‘na signora – Neh signo’ sapite ll’ora? –
Chella guarda ‘a part
e llà
‘nu zumpo ‘a borza ‘a puo’ sceppà fuienno primma ca pò sciatà
Sceppanno t’arrevota fuie ‘ncopp’a ‘sti ddoi’ rote
isso arreto ‘n’ato annaze songo scippe fatte lanze
nun ce sta cchiù chi se scanza
Giuvannenie’ Giuvanne
ma ‘o munno aspetta
e vvene ‘o juorno ca t
e mette ‘sti manette
Giuvanneniello ddice
pure ‘o ggiurnale
‘sta corza l’he fernuta mò a Puceriale

Giuvannenie’ Giuvanne rinta cella a ssirece anne
nun appena ca Ú arrivato te l’abboffano ‘e mazzate
pe’ sapé cu chi Ú assuciato
E allora rinto scuro se da ‘a capa rinto muro
corre ‘a guardia, ‘o piglia ‘e pietto
– Chisto Ú pazzo o fa ‘e dispiette! – e l’attacca ‘ncoppo lietto
Giuvannenie’ Giuvanne
no nun Ú pazzo
si trase ‘o manicomio Ú malatia ‘e razza
‘Na razza ‘e guagliuncielle
tutt
e sirice anne
ca a Napule se chiammano comm’a Giuvanne
‘Na razza ‘e guagliuncielle
tutte sirice anne
chiammate tuttuquante propeto Giuvanne.

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here