I matti

Album

È contenuto nei seguenti album:

1987 Terra di nessuno
2003 Mix – Disc 1

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

I matti di Francesco De Gregori

I matti vanno contenti, tra il campo e la ferrovia.
A caccia di grilli e serpenti, a caccia di grilli e serpenti.
I matti vanno contenti a guinzaglio della pazzia,
a caccia di grilli e serpenti, tra il campo e la ferrovia.
I matti non hanno più niente, intorno a loro più nessuna città,
anche se strillano chi li sente, anche se strillano che fa.
I matti vanno contenti, sull’orlo della normalità,
come stelle cadenti, nel mare della Tranquillità.
Trasportando grosse buste di plastica del peso totale del cuore,
piene di spazzatura e di silenzio, piene di freddo e rumore.
I matti non hanno il cuore o se ce l’hanno Ú sprecato,
Ú una caverna tutta nera.
I matti ancora lì a pensare a un treno mai arrivato
e a una moglie portata via da chissà quale bufera.
I matti senza la patente per camminare,
i matti tutta la vita, dentro la notte, chiusi a chiave.
I matti vanno contenti, fermano il traffico con la mano,
poi attraversano il mattino, con l’aiuto di un fiasco di vino.
Si fermano lunghe ore, a riposare, le ossa e le ali,
le ossa e le ali, e dentro alle chiese ci vanno a fumare,
centinaia di sigarette davanti all’altare.

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

     
Gm  F  Eb  G  F  Eb

  Gm             F            Eb
I matti vanno contenti tra il campo e la ferrovia
  Gm                    F        Eb
A caccia di grilli e serpenti, a caccia di grilli e serpenti
        Dm                   Cm
I matti vanno contenti a guinzaglio della pazzia
  Dm                                  Cm
A caccia di grilli e serpenti, tra il campo e la ferrovia

  Gm                   F                 Eb
I matti non hanno piu' niente, intorno a loro più nessuna citta'
         Gm               F               Eb
Anche se strillano chi li sente, anche se strillano che male gli fa
        Dm                       Cm
I matti vanno contenti sull'orlo della normalita'
     Dm                    Cm
Come stelle cadenti, nell'oceano della tranquillita'
       Dm                                        Cm
Trasportando grandi buste di plastica del peso totale del cuore
         Dm                                 Cm
Piene di spazzatura e di silenzio, piene di freddo e rumore

  F
I matti non hanno il cuore
  Bb                 F                Eb           Bb
I matti non hanno il cuore, o se ce l'hanno e' sprecato
Gm             F     Eb
E' una caverna tutta nera
  Bb                    F               Eb      Bb
I matti ancora li' a pensare a un treno mai arrivato
Gm                     F                      Eb
E a una moglie portata via da chissa' quale bufera
        F          Eb             Bb
I matti senza la patente per camminare
        F            Eb               Dm  F
I matti tutta la vita, dentro la notte
         Bb    Gm  F  Eb  Gm  F  Eb
Chiusi a chiave

  Gm             F                 Eb
I matti vanno contenti, fermano il traffico con la mano
         Gm            F                      Eb
Poi attraversano il mattino con l'aiuto di un fiasco di vino
   Dm                   Cm
Si fermano lunghe ore a riposare
   Dm                       Cm
Le ossa e le ali, le povere ossa e le ali
  Dm                    Cm            Dm  Cm
E dentro alle chiese ci vanno a fumare
     Dm               Cm     Dm               Cm
Centinaia di sigarette, centinaia di sigarette
     Dm                   Cm
Centinaia di sigarette, davanti all'altare

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here