I scacchi della posta

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Cosa succederà alla ragazza

WikiTesti Ú un progetto gratuito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

I scacchi della posta di Lucio Battisti

Fiera, sommessa, repentina, breve
l’estensione variabile dei piedi
l’andatura, l’adagio, lo svelto
l’incedere e il procedere
Poi le scarpe sono la precisa
espressione del viso
andare passo passo, fare moto
per correre e agitarsi molto poco
appena in tempo per
la messa cantata un altro po’
Ed il treno era partito
svoltato l’angolo
aggirato il monumento
lungo le mura, rasente la barriera
di sotto il porticato
sfiorando la ringhiera la spalletta,
la spalletta sul fiume
Le scale, sulle scale, le scale
da un sarto senza manica sinistra
dall’ebanista discutendo se si possa
chiamare diceria,
il capriccio della cornice
PerchÚ non scende e uno
perchÚ non sale e due,
i sacchi della posta,
questa Ú l’ora quasi da soli
saltano sugli sbarcatoi.
I quarti di buesse sanguinose,
soggiogano ragazzi incappucciati
gli appuntamenti sono plateali:
vedi venirsi incontro due vocali.
I cagnolini vanno avanti al trotto
i cani grossi hanno scontri di botto
col non si sa che sia col non si sa.
I minutini,gli attimi,gli instanti
tengono a bada tutti tutti quanti
ma le mezz’ore perse sono già funeste
son teste emerse e rifugiate leste
nelle finestre, nelle finestre
A prima vista tutto Ú secondario,
poi le scarpe sono la precisa
volontà del viso
cominciano i miraggi:
atti notori col nastrino in gola,
fanno i graziosi mentre fan la spola.
Patenti a fisarmonica, a soffietto
hanno da dire e da ridire su tutto
licenze ancheggiatrici
fanno adescamento;
quindi i certificati sono
pellirossa tutti lustrati.
Arrivederci ed uno a risentirci e due,
le parti per il corpo articolato
si piegano, si snodano polpose
e succulente ossee nervose
Il ginocchio, il polso, l’anca il pennone
intorno al quale il muscolo fa vela
lo zigomo, la tempia, il metatarso
poi le scarpe con i lacci o senza
la faccia, arrivederci arrivederci

Il testo contenuto in questa pagina Ú di proprietà dell’autore. WikiTesti Ú un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

 
rem                        sol
Fiera, sommessa, repentina, breve
do                        fa
l'estensione variabile dei piedi
sib                    solm
l'andatura, l'adagio, lo svelto
la   
l'incedere e il procedere
rem                			
Poi le scarpe sono la precisa 
     sol
espressione del viso
do                       fa
andare passo passo, fare moto
sib                        solm
per correre e agitarsi molto poco
la
appena in tempo per   

la messa cantata un altro po' 

rem   resus4/rem               
Ed il treno era partito
sol
svoltato l'angolo
do
aggirato il monumento
fa                          sib
lungo le mura, rasente la barriera
solm
di sotto il porticato
la
sfiorando la ringhiera la spalletta, 

la spalletta sul fiume
rem                   resus4/rem  sol
Le scale, sulle scale, le scale
do
da un sarto senza manica sinistra
fa                            sib
dall'ebanista discutendo se si possa
solm     la
chiamare diceria, 

il capriccio della cornice
la                  solm
PerchÚ non scende e uno
rem
perchÚ non sale e due,
solm
i sacchi della posta,
la                  solm              
questa Ú l'ora  quasi da soli 
          rem     la
saltano sugli sbarcatoi.
rem                         sol
I quarti di buesse sanguinose,
do                         fa
soggiogano ragazzi incappucciati
sib                     solm
gli appuntamenti sono plateali:

la
vedi venirsi incontro due vocali.
rem                            sol
I cagnolini vanno avanti al trotto
do                            fa
i cani grossi hanno scontri di botto
sib                            solm
col non si sa che sia col non si sa.
la                                              rem   resus4/rem
I minutini,gli attimi,gli instanti 

tengono a bada tutti tutti quanti
sol                  do
ma le mezz'ore perse sono già funeste
fa                         sib
son teste emerse e rifugiate leste
solm                  la
nelle finestre, nelle finestre
la                      rem
A prima vista tutto Ú secondario,
sol                          
poi le scarpe sono la precisa 
do
volontà del viso
fa           
cominciano i miraggi: 
      sib   
atti notori col nastrino in gola,
solm                     la
fanno i graziosi mentre fan la spola.
la                          solm                    
Patenti a fisarmonica, a soffietto
rem
hanno da dire e da ridire su tutto
solm
licenze ancheggiatrici
la
fanno adescamento;
solm
quindi i certificati sono
rem         la
pellirossa tutti lustrati.
rem                 sol
Arrivederci ed uno a risentirci e due,
do                      fa
le parti per il corpo articolato
sib                     solm   la
si piegano, si snodano polpose    
la
e succulente ossee nervose
rem                                  sol
Il ginocchio, il polso, l'anca il pennone
do                          fa
intorno al quale il muscolo fa vela
sib                         solm
lo zigomo, la tempia, il metatarso
la
poi le scarpe con i lacci o senza 
rem
la faccia, arrivederci arrivederci

rem resus4/rem sol do fa sib solm la 
(2 volte) 
rem . 




LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here