Il guanto

Album

È contenuto nei seguenti album:

2005 Non escludo il ritorno (Cd 2)

Testo Della Canzone

Il guanto di Franco Califano

(di: Franco CalifanoAlberto Laurenti)

Me fanno ride’ mo’ ‘n televisione,

Un professore ‘n mezzo a ‘na lezione,
fa’ mette’ ‘n piedi tutti li studenti
femmine e maschi, ‘nzomma, tutti quanti
e tutto questo pe’ quale motivo?

Vole sapé de chi è ‘n preservativo!
E li ragazzi seri: e mio… e mio…
ma noi nun semo ancora preparati
a ‘sti discorsi, ‘n semo abituati!…

Ieri manco potevi nominallo,
dire preservativo era ‘n macello!
Mò all’improvviso fanno ‘sta sparata
e la famija resta frastornata,
l’educazione è quella che c’ha avuta,
tra padre e fijo oggi ‘n c’è partita.

Er padre der progresso nu’n sa gnente,
trova che ogni argomento è ‘mbarazzante
e sur preservativo è ‘n po’ ‘gnorante.

Lo posso immaginà quanno s’apparta
cor fijo ch’è ‘n paraculo sempre all’erta.
‘Ndovina ‘n po’ dentro ‘sta scatoletta?
C’è ‘n oggettino… roba da maschietto
“Ma che ne so a papà: quarche usa e getta!”
“C’hai ‘ndovinato è come ‘n cappuccetto!
Guardalo ‘n po’, co’ questo cresci sano,
se dentro tu ce ‘nfili er pisellino…”

Qui er fijo strilla: ancora pisellino!
Ma che aspettamo a daje er nome suo?
Che va a san Remo a cantà: O sole mio?

Papà, te vedo sempre ‘n imbarazzo
mo’ so’ cresciuto, poi chiamallo cazzo!
Ma che linguaggio usi, stupidino?
“Quello de sempre! Senti ‘n attimino,
sto cappuccetto sopra er pisellino,
lo metto quanno pijo er sole ‘n terazza?”
“Ma no! Quanno dai n’ bacio a ‘na ragazza!”

Ah, quanno je do’ ‘n bacio, er cappuccetto…
E quanno me la scopo, che me metto?
Un secchio de monnezza, ‘ncofanetto,
o starà più sicuro co’ l’ermetto?

Anzi ‘n’ amica nostra se n’è annata
proprio pe’ corpa dei preservativi
c’erano ar cioccolato, ar miele, ar kiwi,
se n’è magnati dieci e s’è strozzata!
‘Na vorta se chiamava pure guanto,
profilattico, ‘n’era commerciale…
Io ‘na vergogna quanno lo compravo!

Mo strillano, che c’è ‘n preservativo?
‘Na vorta, me ricordo pe’ comprallo
entro e acchiappanno ar volo la commessa,
je faccio sottovoce: vorei i guanti…
Lei apre er cassetto, e me li da’ de lana
io me la guardo e penzo: questa è scema!
E je ripeto: no ‘sti guanti… i guanti…
Mo è lei che guarda e dice: n’ho capito,
questi n’ so guanti, che je manca ‘n dito?
Ecco brava, li vojo pe’ quer dito…
un dito solo, mo’ me so’ spiegato?
“Oh, mi perdoni… scusi… e mutilato?”
Ma mutilato ce sarà tu’ nonno…
vojo ‘n preservativo, sto morenno!
“Questa è ‘na merceria, che va trovanno?”
Oddio me scusi, che ho sbajato ingresso?
Certo, lei deve anna’ a la porta appresso…

Entro alla porta accanto e a ‘n dottorino
chiedo: du’ guanti. Spero abbia capito.
Questo me guarda e fa’: prima de noi
trova ‘n emporio, credo sia assortito,
qui nun ha visto fori c’è ‘na croce?

No quella nun me serve, me dispiace,
vojo ‘n preservativo, chiedo tanto?
Dotto’ stasera c’ho ‘n ber movimento!
“Ora ho capito: sta cercanno un guanto?
Lo vole senza o con il serbatoio?
Fammece pure er pieno e er cambio d’ojo…
Quanti ne vuole, di normali o ar velo?
Fammene ‘n par de kili e va a ‘ffa ‘n culo!

Ancora nun l’ho visto e già so’ stanco,
pensa se poi stasera vado ‘n bianco!
Dammelo all’arbicocca, che se becco
‘na sera storta, armeno me lo lecco.
Na vorta a scola te portavi i libri,
un ber panino co’ li broccoletti…

Mo li preservativi… i cappuccetti…
fortuna che ogni tanto ar professore
quarcuno chiede: scusi a che sapore?
“Mi sembra ci sia scritto sia alla prugna”
No, nun è mio, lui quelli nun li magna,
lui vole solo quelli ar mandarino,
sa, s’è viziato… e come ‘n ragazzino!

Penso a ‘n amico che je s’è bucato,
e mo lei è ‘ncinta e lui s’è sistemato.
Lui c’ha la fissa de chiede’ er sapore,
se trova er fico d’india, lui ce more
nun penza mai alle spine poveretto
e sur più bello je se buca tutto.

Oppure t’hai da mette’ a ragionare
Cor sesso basta, se voi fa’ ‘n affare,
nun c’è sortanto quello de piacere.
Vai a fa’ du’ passi, lo porti a pisciare…
a quarche cosa s’ha da rinunciare.

Sei sempre ‘n omo sano, forte e vivo
e senza esse’ schiavo der preservativo
se lui è smanioso e senti che te scappa
je dici: bono. E poi te fai ‘na pippa!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here