Il tempo una donna e la citta’

Introduzione

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Album

È contenuto nei seguenti album:

1975 Un pò del nostro tempo migliore
2011 Christmas Collection

Testo Della Canzone

Il tempo una donna e la citta' di Pooh

(FacchinettiNegrini)

polvere
il vento nella valle scivola
finestre semiaperte stridono
sui muri silenzioso il sole
giace.
vastita’
di strade sconosciute ai passi miei
che suonano indiscreti come chi
violasse un mondo mai trovato
prima.
si avvicina lentamente a me
resta in ombra il viso per un po’
e’ una donna e sembra sia
pur presente e viva
un’immagine sospesa nel tempo
nata alla mente
prima che agli occhi miei.
e’ un ritratto della fantasia
chiedo dove sono e lei chi sia
lei risponde: vieni e poi
tu potrai vedere
cio’ che il vento e il sole
sanno da sempre
cio’ che spiegarti
forse neanch’io saprei”.
lentamente
io la seguo, ho gli occhi su di lei
sto cercando
di sentire veri i passi miei
quanto prima lieve e poi via via
sempre piu’ presente scopro intorno
da rumori e voci la citta’
prima spenta
riemergente e viva intorno a me
anche se oltre noi nessuno c’e’
anche se oltre noi nessuno c’e’
voci di uomini in allegria
parlano forte di non so chi
vantano nel vino ognuno
con vivaci accenti
come il mondo sfiderebbe
chi non fosse nato vinto
ma nella citta’ si stenta
e si aspetta chi sa che.
chi ha del coraggio nel mondo va
voce di donna di stanca eta’
come una preghiera triste
a chi si appresta al viaggio
quando tornerai lo sento
figlio io saro’ nel vento
possa il mondo risparmiarti
per colei che in mente hai.
e solitario un canto di fanciulla
in una stanza vuota
dietro una finestra chiusa
in pianto si tramuta
fra pareti nude che il silenzio consumo’

e la mente incerta a cosa esiste
e cosa no.
poi la sconosciuta a un tratto
il viso mi rileva
ne riscopro i tratti dolci
gli occhi d’acqua pura
trasparente contro il sole
l’abito di lei
ricomposta immagine di voci udite gia’.
non violata dall’iniquo tempo
sola e viva dove vive ormai
freddo l’eco di remote ombre
cui sottrarla solo io potrei
prendo le sue mani e breve e intenso
e’ il suo respiro.
tace il vento sulle pietre bianche
anche il sole sembra attento a noi
cade il velo che l’attesa antica
forte e fragile le ricamo’.
cade giu’ da un muro un sasso
rotola e si ferma.
l’aria si chiude al silenzio e poi
s’alza la polvere intorno a noi
io chiudo gli occhi li riapro e

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here