Il treno – Edoardo De Crescenzo

Introduzione

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Album

È contenuto nei seguenti album:

1981 Ancora

Testo Della Canzone

Il treno – Edoardo De Crescenzo di Edoardo De Crescenzo

(di: Franco MigliacciClaudio Mattone)

Siamo naufraghi del sogno, quella strana umanità
che si perde e si ritrova alla stazione
che non parte, non arriva, che sta sempre ferma là
come pacchi senza una destinazione
la città promessa è lì ma non c’è nessun Mosè
che ci dica quale dio ci aiuterà
solo un mostro di metallo, occhi freddi e scintillanti
che promette paradisi e libertà
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Materassi di cartone ci respinge la città
e chi torna indietro muore di vergogna
e si inventano mestieri che son vecchi come il mondo
la puttana, il ladro, il palo, il vagabondo
ho scoperto su un binario morto un vecchio wagon light
che ha giurato un giorno di portarmi via
e lasciare quei falliti e non ritornare più
vaffanculo la città io salgo su…
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Il treno và, il treno che và, il treno và
che ci porta lontano e và
Il treno và, il treni che và, il treno và
che ci porta lontano e và….
Il treno và….
Il treno và….

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here