Inno abissino

Introduzione

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Testo Della Canzone

Inno abissino di Ulisse Barbieri

In nome d’un dritto che a noi si contende
ognun le sue leggi la patria difende
i martiri nostri li chiaman spioni
con forti e cannoni ci voglion domar.

Le tende dei nostri son fatte per noi
son là oltremare le case dei tuoi!
Su armiamoci a battaglia! Su armiamoci a legioni
le forche e i cannoni sapremo sfidar!

Va fuori dall’Africa
Non siamo predoni
va fuori dall’Africa
va fuori dall’Africa
va fuori stranier

Dei nostri deserti son vaste le arene,
ruggisce il leone vi urlan le iene
e noi del leone più forte il ruggito
mandiam per l’immenso deserto infinito

Ruggito di liberi che ai vostri moschetti
baluardo invincibile oppongono i petti
Son cupe le gole dei nostri burroni,
saremo legioni la patria a salvar!

Va fuori dall’Africa…

Son pochi mandati! Più ancor ne vogliamo
migliaia e migliaia mandatene ancora
più bella la festa sarà se aspettiamo
più grande la strage che anela ogni cuor!

Intorno alle teste recise danzando
le membra dei corpi col fuoco bruciando
troncato col ferro l’anelito estremo
ancora urleremo “Va fuori stranier”!

Coll’odio nell’anima
ancora urleremo
va fuor dall’Africa
va fuor dall’Africa
va fuori stranier!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here