La balilla

Autosave-File vom d-lab2/3 der AgfaPhoto GmbH

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

La balilla di Riccardo Marasco

* Enzo Jannacci1966 Sei minuti all’alba2004 Milano 3-6-2005

IO C’AVEVO UNA BELLA BALILLA

FODERATA DI PELLE D’ANGUILLA

VO’SAPE’ COME GLI E’ ITA

IN DU’ MINUTI ME L’HANNO FINITA

LA MI’ ZIA DELLE CALDINE

E L’HA MANGIATO LE LAMPADINE

I FRATELLI UN POCO SCEMI

M’HAN MANGIATO TUTTI I FRENI

UN RAGAZZO DI BRUCIANESI

M’HA MANGIATO TUTTI GLI ARNESI

E AD UN FRATE CON GLI OCCHIALI

GLI E’ BASTATO SOLO I FANALI

SU CONSIGLIO DI’ DOTTORE

UNO GLI HA MANGIATO I’ MOTORE

POI GLI HA PRESO DU’ PASTICCHE

GLI’ HA FINITO CON I’CRICCHE

LA MI SOCERA UN PO’ RITENTE

GLI’ HA MANGIATO LA PATENTE

POI S’E’ FATTA PIU’ CORAGGIO

L’HA MANGIATO UN INGRANAGGIO

GLI E’ VENUTO ANCHE I’BARBIERE

GLI HA INGOIATO QUATTRO SFERE

POI A COLPI DI RASOIO

L’HA MANGIATO I’SERBATOIO

UNA DONNA DELL’ISOLOTTO

LA S’E’ BUTTA SU’I’ CRUSCOTTO

MENTRE UN TALE DI FIGLINE

GLI SFORZAVA LE BRONZINE

POI C’E’ STATA LA SCENA PIU’ BELLA

L’E’ ARRIVATA LA MI’ SORELLA

ED IN QUESTA CONFUSIONE

L’E’ RIMASTO IN MANO UN PISTONE

UNA COPPIA IN TERZOLLINA

LA SUCCHIAVA LA BENZINA

LEI PULIVA LA CANDELA

LUI FACEVA LA MISCELA

POI C’E’ STATA UNA BAMBINA

INESPERTA POVERINA

CHE PER RIMANERE ZITTA

L’HANNO ROTTO LA MARMITTA

L’E’ VENUTO DU’ BEFANE

L’HAN MANGIATO LE PEDANE

MENTRE UNO CON LA MANO MORTA

S’E’ FREGATO LA ROTA DI SCORTA

COME VEDI AMICO MIO

SON RIMASTO SOLO IO

CHE PER ESSERE IL PIU’ POLLO….

M’E’ RIMASTO IN MANO I’BOLLO….

============================
Mi g’avevi una bella Balilla,
fuderata de pel d’anguila;
ve cunti la storia de cume l’e’ andada,
in tri minut me l’han dislenguata.

Prima ve disi el meste’ che fu mi’,
inisi i des ur e finisi a mess di’;
vendi la soda, lisciva e saun,
e de dane’ ne fu su a muntun.

Giri la baia cul motofurgun,
cun la candegina, paieta e pantun;
fu una pignata de card de mila,
me salt’in del cu de cumpra’ la Balilla.

Porto la machina sota la porta,
me graten subit la roda de scorta;
la sposti un cicin la porti in via Larga,
passa un quei d’un che me grata la targa.

Peu passen i tedesch tislifen tislofen,
van su la vetura me mangen el cofen;
ciami i ingles per casciai via,
me passen tuta la caruseria.

Passa un fiulin, bel, ma senza i dentin
el me disvida tutt i lampadin;
El me fradellastr quel mala’ de dabiet,
el fa finta de nient e me mangia el magnete;

A visitam ven fora el dutur,
che el me mangia el radiatur,
per rispet alla sciensa ghe disi na’got,
e lu’ per dispet porta via anca el cruscot.

Ma te disi mi’ l’è roba de mat,
me par ’na Balilla de ciculatt.
A vu in questura per denuncia’ i dann,
quan turni in dre’ ghe’ pu’ i pedan.

El me’ purtinar che porta i uciai,
el salta in vettura a mangiam i fanai;
e la so’ mie’ si’ quela latrina,
la ma bevu’ fora tuta la bensina.

Peu me ne cumbinen de tuti i culur,
a trovi pu’ nanca un toc de mutur,
una bruta facia de delinquent,
el me mangia el tubo de scapament.

A Vu per caso a truva’ la me’ surela,
ghe trovi in ca’ un pistun e una biella,
resta in terra tri tuchei,
passa e spasin porta via anca quei.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
F A#

(Sib)

IO C'AVEVO UNA BELLA BALILLA

       F
FODERATA DI PELLE D'ANGUILLA

VO'SAPE' COME GLI E' ITA

              A#
IN DU' MINUTI    ME L'HANNO FINITA

LA MI' ZIA DELLE CALDINE

E L'HA MANGIATO LE LAMPADINE

F
I FRATELLI UN POCO SCEMI 

                            A#
M'HAN MANGIATO TUTTI I FRENI

UN RAGAZZO DI BRUCIANESI

            F
M'HA MANGIATO TUTTI GLI ARNESI

E AD UN FRATE CON GLI OCCHIALI

               A#
GLI E' BASTATO SOLO I FANALI

SU CONSIGLIO DI' DOTTORE

                          F
UNO GLI HA MANGIATO I' MOTORE

POI GLI HA PRESO DU' PASTICCHE

GLI' HA FINITO CON I'CRICCHE

A#
LA MI SOCERA UN PO' RITENTE

                 F
GLI' HA MANGIATO LA PATENTE

POI S'E' FATTA PIU' CORAGGIO 

              A#
L'HA MANGIATO UN INGRANAGGIO

GLI E' VENUTO ANCHE I'BARBIERE

GLI HA INGOIATO QUATTRO SFERE

F
POI  A COLPI DI RASOIO

L'HA MANGIATO I'SERBATOIO

A#
UNA DONNA DELL'ISOLOTTO

            F
LA S'E' BUTTA SU'I' CRUSCOTTO

MENTRE UN TALE DI FIGLINE

           A#
GLI SFORZAVA LE BRONZINE

POI C'E' STATA LA SCENA PIU' BELLA

                            F
L'E' ARRIVATA LA MI' SORELLA

ED IN QUESTA CONFUSIONE

                              A#
L'E' RIMASTO IN MANO UN PISTONE

UNA COPPIA IN TERZOLLINA

           F
LA SUCCHIAVA LA BENZINA

LEI PULIVA LA CANDELA

           A#
LUI FACEVA LA MISCELA

POI C'E' STATA UNA BAMBINA

INESPERTA POVERINA

F
CHE PER RIMANERE ZITTA

L'HANNO ROTTO LA MARMITTA

A#
L'E' VENUTO DU' BEFANE 

             F
L'HAN MANGIATO LE PEDANE

MENTRE UNO CON LA MANO MORTA

           A#
S'E' FREGATO LA ROTA DI SCORTA

COME VEDI AMICO MIO 

SON RIMASTO SOLO IO 

F
CHE PER ESSERE IL PIU' POLLO....

                           A#
M'E' RIMASTO IN MANO I'BOLLO....

***



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here