La ballata degli impiccati

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

La ballata degli impiccati di Fabrizio De Andrè

Tutti morimo a stento
ingoiando l’ultima voce
tirando calci al vento
vedemmo sfumar la luce.
L’urlo travolse il sole
l’aria divenne stretta
cristalli di parole
l’ultima bestemmia detta.
Prima che fosse finita
ricordammo a chi vive ancora
che il prezzo fu la vita
per il male fatto in un’ora.
Poi scivolammo nel gelo
di una morte senza abbandono
recitando l’antico credo
di chi muore senza perdono.
Chi derise la nostra sconfitta
e l’estrema vergogna ed il modo
soffocato da identica stretta
impari a conoscere il nodo.
Chi la terra ci sparse sull’ossa
e riprese tranquillo il cammino
giunga anch’egli stravolto alla fossa
con la nebbia del primo mattino.
La donna che celò in un sorriso
il disagio di darci memoria
ritrovi ogni notte sul viso
un insulto del tempo e una scoria.
Coltiviamo per tutti un rancore
che ha l’odore del sangue rappreso
ciò che allora chiamamo dolore
è soltanto un discorso sospeso.

More lyrics: http://www.lyricsmode.com/lyrics/f/fabrizio_de_andre/#share

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Accordi

   
MI-                          LA-                              MI- 
Tutti morimmo a stento ingoiando l'ultima voce, 
                          RE                                       MI- 
tirando calci al vento vedemmo sfumare la luce. L'urlo 
                LA-                              MI-                       RE                                  MI- 
travolse il sole, l'aria divenne stretta...cristalli di parole, l'ultima bestemmia detta. 
  
Prima che fosse finita ricordammo a chi vive ancora che il prezzo fu la vita per il male fatto in un'ora. Poi scivolammo nel gelo di una morte senza abbandono, recitando l'antico credo di chi muore senza perdono. 

Chi derise la nostra sconfitta e l'estrema vergogna ed il modo, soffocato da identica stretta impari a conoscere il nodo. Chi la terra ci sparse sull'ossa e riprese tranquillo il cammino, giunga anch'egli stravolto alla fossa con la nebbia del primo mattino. 

La donna che celo' in un sorriso il disagio di darci memoria, ritrovi ogni notte sul viso un insulto del tempo ed una scoria. Coltiviamo per tutti un rancore che ha l'odore del sangue rappreso, cio' che allora chiamammo dolore e' soltanto un discorso sospeso

Fabrizio De Andrè Accordi

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here