La cicala e la formica

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

La cicala e la formica di Filastrocche

La cicala, che l’estate
sol cantando avea passato,
si trovò in cattivo stato
quando giunser le gelate:
proprio senza un granellino,
senza un bruco o un moscerino.
Disse allora alla formica
sua vicina: “Forse tu puoi
trovar modo di prestarmi
qualche grano per sfamarmi!
Ritornato il tempo bello,
renderò, d’ogni granello,
interessi e capitale,
sull’onore di noi cicale”.
La formica, che i prestiti .
poco stima, disse allora:
“Cicaletta, alla buon’ora,
quest’estate che facesti?
“IO? Cantai lungo la via,
dai passanti applauditissima..”
“Tu cantasti?! Felicissima,
ora balla, amica mia!”.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here