La dimora der penzatore

">

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

La dimora der penzatore di Duilio Cestiè

di Duilio Cestiè

Ogni persona, der popolo civile,
Se ne ritrova uno drento casa,
C’è chi cellà moderno o in ogni artro stile,
Chi cellà bianco, verde oppure rosa.

C’è chi ce tiene ‘na credenza o ‘n settimino,
Un tappetino co’ ‘n’attaccapanni,
Un pò de cianfrusaje sopra ar lavandino
O un lumicino antico, de centanni.

C’è chi ce tiene appesi tanti quadri,
O la fotografia der Papa der momento,
Chi ce ‘nnisconne l’oro, pe’ paura delli ladri,
O ‘na signorina dietro ‘mparavento.

C’è chi, pe’ bisogno, ce sta l’ore,
E chi, pe’ sua disgrazia, un ce va mai,
Chi lo mette ‘n mostra a ‘gni visitatore
E chi, troppo geloso, nun lo apre mai.

Ma rimane sempre er posto più ideale,
Dimora preferita d’ogni penzatore,
A noi chiamallo cesso ce viene naturale,
Ma è la nicchia, la stanzetta ‘ndò se trova er cacatore

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *