La festa dè nòantri – Poesia

">

Testo Della Poesia

La festa dè nòantri – Poesie Romane

Ar tredici de luglio c’è na festa

che li trasteverini e li stranieri

tra canti balli e cori cò l’orchestra

se sentono Romani forestieri.

Trastevere ch’è pieno de locali

che fanno da magnà a crepapelle

da li cinesi, turchi a li ciociari

cò la porchetta sulle bancarelle.

E quando scenni giù pè na scaletta

(la strada che te porta giù pè fiume)

te trovi tutta quanta la spiaggetta

piena de gente e piena de profumi.

E’ l’isola Tibberina (la reggina)

ndove sta seduta in mezzo ar fiume

e tutta l’acqua intorno je s’inchina

facendo caroselli cò le schiume.

Ma la Madonna (ch’è la festeggiata)

te porta tutti quanti in processione

preganno in questa lunga passeggiata

e benedice tutti senza distinzione.

Finita la festa de sto rione

aritorna tutto quanto come prima

l’isola Tibberina s’aricompone

rimanenno sempre la reggina.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *