La porta aperta

Album

È contenuto nei seguenti album:

1975 24-7-75 Dalla Bussola
1980 Tuo Califano
2002 White Collection – The Best of Franco Califano (Cd 3)
2005 Non escludo il ritorno (Cd 2)

Testo Della Canzone

La porta aperta di Franco Califano

(di: Franco Califano)

Chi è? Fernando?
Entra, è aperto… e come va’?!?!?!
Io vivo tanto pe’ fa’ quarche cosa…

La porta? Ah si, l’ha lasciata aperta Maria,
dovrebbe torna’ da ‘n momento a n’artro
armeno così ha detto quanno e uscita…
da ‘n mese ormai, ma tornerà senz’artro.

Nun ha preso le chiavi,
nun ha chiuso la porta
m’ha detto: vado e torno, lascia aperto;
e se n’è annata.

Ma io ce credo,
io lo so che torna…
e lascio aperta la porta!

Ma tu perché me guardi senza dimme gnente?
A Ferna’, tu che dici, nun torna?
Io dico che torna,
se no nun lascerei la porta aperta.

Si m ‘ariva de notte Maria mia,
lei così dorce e piena d’attenzioni,
pe nun svejamme se ‘n’andrebbe via,
magari a dormi dentro li portoni…

Ma tu che stai a guarda’ da che sei entrato?
Ah, li tappeti, er muro rovinato…
Ma te ricordi quanno ha diluviato?
Li lampi, i toni e poi quell ‘acquazzone…
la porta è aperta e l’acqua ha approfittato
pe famme ‘sto casino ner salone,
che voi se viè Maria e me resta fori,
ce faccio la figura der cafone!

Ma tu, perché quell’occhi così seri?
A Ferna’, tu che dici, nun torna ?
Io dico che torna,
se no nun lascerei la porta aperta.

Lo fo pe’ nun svejamme si m’addormo.
Vedi, Maria l’ho sempre dominata,
j’ho lavato er cervello ‘n pò per giorno,
decido e lei nun s’è mai ribbellata,
nun m’ha mai chiesto stelle a mezzogiorno.

Allora me so detto: pe’ ‘na vorta,
la vojo fa’ contenta santo dio,
m’ha chiesto de lascia’ la porta aperta;
e aperta sia, povero amore mio.

Che ho fatto? Solo ‘n pò de torcicollo,
gnente de grave ‘no spiffero d’aria,
sai co’ la porta aperta io come pollo me so’ fregato,
qui pare Siberia!

Ma Ferna’, tu che dici, nun torna?
Io dico che torna,
se non nun lascerei la porta aperta.
Ripeto: E’ senza chiavi Maria mia
e si m’a riva a notte già avanzata,
me resta fori e senza compagnia;
je mancherà la tera sotto i piedi
senza de me, povera Ciccia mia…

Che guardi a fa’, nun c’è l’argenteria…
Se so’ fregati tutto l’altra notte:
vasi, gioielli, i quadri de Maria…
quanno hanno scioperato i metronotte…
sai, co’ la porta aperta, so’ ‘mboccati.

D’accordo er furto me lo so’ cercato,
ma pure er cane m’hanno avvelenato!
Eh… Che hai detto?… E stata Maria?!?!?!?…
Ma che sei diventato tutto scemo !

Ferna’ nun insultà la donna mia…
porta rispetto c’ho ‘n cortello ‘n mano!
La porta è aperta ‘mbe’, sto a casa mia!
Si dici ‘na parola ‘n più, te meno!
Se ‘n bell ‘amico, li mortacci tua…

Va’ via…
Va’ via…
Va’ via…

Aoh… Ferna’.. ‘ndo’ vai? Nun m’hai capito…
Su ‘n mese avro’ dormito sett’ott’ore,
me ‘mbriaco, fumo, ‘n più me so’ ammalato,
ho perso dieci kili in poche sere,
nun me ricordo più quanno ho magnato.

Se chiudo ‘n occhio, rassomijo a ‘n ago
tanto so’ secco e tanto so’ sciupato…
Ferna’. so ‘come ‘n chiodo arugginito!

C’hai freddo pure te? Te chiedo scusa…
famme in favore grosso quanno esci,
pure se Maria mia ritorna a casa,
chiudeme dentro, inzomma, me capisci…
vojo morì…
ma co’ la porta… chiusa…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here