La sperlessa

">

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

La sperlessa di Antonio Carcuro

Antonio Carcuro

Chissà costei chi mai sarà
se un nome così strano ha:
sarà una fata, una piratessa
un angelo od una diavolessa?
Da grande far cosa le piacerà
una badessa per caso diventerà?
Ma è inutile tentare d’immaginare
neppure di andare a consultare
il vocabolario o l’enciclopedia
per scoprire chi essa sia
la sperlessa l’ho inventata io
che sono il caruccio di suo zio
e volendoti cercare di aiutare
per riuscire a farti indovinare
ti dico che vive in una città
il fiume Reno vi scorre di là
è poco più di una bambina
ma si dà l’aria d’una signorina
a lei piace farsi guardare
ammirare e pure corteggiare
finge di essere vergognosa
ma diventa subito sdegnosa
appena si vede trascurata
oppure poco considerata
quale che sia l’occasione
su di sè esige l’attenzione
e se poca gliene vuoi dedicare
lei intorno si mette a scalpitare
anche se ascoltarla uno non la vuole
lei comincia a mitragliarlo con le parole
in un minuto ne dice cento forse mille
se non basta si mette a fare anche scintille
questa rappresenta una sua specialità
gliela insegnai a Banzi un po’ di anni fa
però sa essere sempre simpatica
anche se dovesse fare la lunatica
pure se a volte è addosso che ti stressa
lei rimane carina perché è una sperlessa
Stefania è il nome di questa nipote mia
ed è più bella di qualunque mia poesia.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *