L’acquabbelle

Testo Della Canzone

L'acquabbelle di Canzoni Abruzzesi

Testo di Cesare De Titta
Musica di Guido Albanese

Oh che ffresca funtanelle
l’Acquabbélle!
È na vene di cristalle,
surie e bballe:
tra guajune, tra fijole,
scrizz’e ccante ‘mbacc-i-a ssole.

Cant’alléègre gne na vocche
che tti scròcche
ris’e vvaçe vaç’e rrise
‘M paradise me ne vajje, Mariucce,
repensènne a ssa vuccucce.

Cant’afflitte gne nu core
pe l’amore.
Quante cose ti vo dire
nu suspire…
Mariucce, che scî ditte?
L’Acquabbèlle cant’afflitte.

Mo fa feste, mo si lagne.
Rid’e ppiagne…
Mariucce, t’e ppassate?
Sbruvegnate!
Mo ti fié na risatelle
tu sci comme l’Acquabbèlle.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here