Lasciarsi un giorno a Roma

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:
2006 Dischi volanti 1998 Niccolò Fabi

Testo Della Canzone

Lasciarsi un giorno a Roma di Festival di Sanremo 1998

(di Cecilia Dazzi, Daniele Sinigallia, Niccolò Fabi, Riccardo Sinigallia)
Niccolò Fabi

Non ho visto nessuno
Andare incontro a un calcio in faccia
Con la tua calma indifferenza
Sembra quasi che ti piaccia
Camminare nella pioggia
Ti fa sentire più importante
Perché stare male è più nobile per te
Ricordati che c’è
Differenza tra l’amore e il pianto
Fatti un regalo almeno ogni tanto e poi se puoi
Fai finta che è normale
Non riuscire a stare più con me
Cerca un modo per difenderti
Una ragione per pensare a te
La vita può cambiare in un momento
Mi fa paura e anche se
Il pavimento del paradiso sei per me
Fai finta che è normale
Non riuscire a stare più con me
C’è soltanto un modo per riprendersi
Lasciarsi un giorno e poi dimenticarsi
E qual è il grado di dolore
Che riesci a sopportare
Prima di fermare l’esecuzione
E chiedere soccorso a me
Che non ti do
Un motivo ancora per restare
Nella storia di una storia che non c’è
Fai finta che è normale
Non riuscire a stare più con me
Cerca un modo per difenderti
Una ragione per pensare a te
Lasciarsi un giorno
Lasciarsi un giorno a Roma
Un giorno lasciarsi
E poi dimenticarsi
Lasciarsi un giorno
Lasciarsi un giorno a Roma
Un giorno a Roma
Lasciarsi e poi dimenticarsi.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here