Londra: il conto paro

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Londra: il conto paro di Mauro Geraci

7 di luglio, jurnata di chiummu
comu li denti di Bush e di Blair,
‘ntra iddi parranu e tramanu a turnu,
fannu ‘u G8 cu l’avutri sei.

In Scozia i sbirri su’ tutti allertati,
sula ‘a Riggina non trova cchiù abbentu,
ai tirrurista ca su’ priparati
ci dannu Londra ‘nt ‘on piattu d’argentu.

8 capi di lu munnu,
10 morti ogni Paisi,
stu pitroliu è troppu ‘n funnu
ed aumentanu li spisi.

In Iran si po’ scavari,
trenta metri sutta ‘u fangu,
s’ ‘a binzina ‘un po’ bastari
l’allungamu cu lu sangu.

Live 8 senza fischi,
ora l’Africa non mori
ca s’accattanu li dischi
di Baglioni e De Gregori!

La metru curri, ‘a firmata fu brusca,
ad Aldgate non c’è nuddu ca scinni
e nuddu ‘ntisi vulari ‘na musca,
tutti arristaru senza ali ne pinni.

Puru d’ ‘u bus di Tavinstock Square
la genti a pedi non potti scinniri,
non c’è cchiù nuddu dda jntra ca spera,
sta morti nuddu la potti capiri.

Ma la storia è sempri ‘a stissa,
vali ieri, oggi e dumani:
ccà ci sunnu i terrurista,
ddà ci su’ l’amiricani.

Ddà su’ 35.000
i civili ca criparu,
mentri ccà su’ 10.000
e lu cuntu non è paru!

Perciò l’Africa ‘o G8
in programma cc’hannu misu:
“S’ ‘a vuliti… ‘o primu bottu
sunnu 80 in Paradisu!”

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here