L’orazione di San Donato

Testo Della Canzone

L'orazione di San Donato di Canzoni Abruzzesi

Canzoni Abruzzesi 1965

Perse li forze mì, perse l’ingegne
la morte m’ha venute a vesetare
«Leva li gambe to da stu regne»
perse li forze mie, perse l’ingegno

Ed a le tre le volte che mi ha viste
vilde la facce la mia gioventù
lu mastre te l’ha fatte la bone reviste
ed a le tre le volte che mi ha visto

Ed a li quattre mi senta ferite
‘n mezze a lu pette mi sente mancate
la lingue mi diceve «ggiuta ggiute»
ed a li quattre mi sento ferito

Ed a li cinque me ce mise a lette
la lingue mi cercave la comunione
e tutte me diceva ca non mi giove
ed a li cinque me ce mise a letto

Ed a li sei mi voglio confessare
cercande perdonanza, madre mie,
e quelle è un dovere ca haie da fare
ed a li sei mi voglio confessare

Ed a li otto li molti persone
mò vinne in casa mie a vesetare
ognune si l’arcuntave le sue ragione
ed a li otto le molte persone.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here