Lu ponte

Testo Della Canzone

Lu ponte di Canzoni Abruzzesi

Testo di Guido Sigismondi
Musica di Guido Albanese

UOMO Uè, la bella guardïane
che ti truve a esse a monte,
se mi fi’ passà lu ponte
quanta solde t’àjj’a dà’?

DONNA Pe’ mmeni’ ecche da cape
m’ì da dà quatrine assaie,
se nen pu’ nen pèsse maie,
ti pu’ belle ariturnà.

UOMO T’ojje dà na cappellanne
rase rase di cavalle;
nen mi fa sta’ ecche a balle,
nen mi fa ‘tante aspettà.

DONNA Li cavalle è brutta rrazze,
se ne vole da le mane,
aritùrnece dumane,
ssi denare nen mi va!

UOMO Mo ti denghe na jummelle
colme colme di zecchine:
‘n terra Sante, ‘m Palestine
li so’ jte a prucurà’.

DONNA Li zecchine pese troppe,
mi si sfonne lu zenale;
a menì’ si’ fatte male,
ci putive aripensà’.

UOMO T’ojje dà’ nu belle pònie
zeppe zeppe di brillante
‘m Palestine, n ‘terra Sante,
li so jte a procurà,

DONNA Li brillante è troppe ninne,
mi si perde pe’ la vie;
fijje, va ‘nnome di Die,
di passà ti pu’ scurdà!

UOMO Tenghe allore na visacce
di suspire e affanne piene,
di turminte amare e pene,
àtre chiù n’ ti pozze dà

DONNA Passe, fijje, vi’ sicure,
passe, fijje, vi’ cuntente;
pe’ sta terra, finalmente,
pu’ menirt’ a ‘vventurà.

(In alcuni paesi d’Abruzzo è rimasta ancora l’usanza di far entrare lo sposo nella casa della sposa, dietro uno scambio di strofe allegoriche del suddetto genere. Nella “Figlia Di Jorio” del d’Annunzio si accenna a qualcosa di simile.)

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here