Lucciola – Eugenio Finardi

Album

È contenuto nei seguenti album:

1996 Occhi

Testo Della Canzone

Lucciola – Eugenio Finardi di Eugenio Finardi

(Finardi-Sanfilippo)

Da come guarda verso il fuoco
si capisce che non ce la fa più
sulla statale è quasi l’alba
sono lucciole i suoi occhi blu
e l’orizzonte è un faro che si perde…

Col motocarro e i copertoni
lui non sogna che di portarla via
verso la terra dei limoni
via dai quei falò di periferia
ma questa notte troverà il coraggio…

Lucciola si accese
e illuminò il suo cuore
lucciola si arrese
e si stupì di quell’amore…
Lucciola che strano
tenersi per la mano
lucciola che vola
adesso che non è più sola…

E mentre la città si sveglia
lui la sente già finalmente sua
adesso sembra una signora
in un attimo, come per magia
e il copertone brucerà da solo…

Lucciola si accese
e illuminò il suo cuore
lucciola si arrese
e si stupì di quell’amore…
Lucciola che strano
tenersi per la mano
Lucciola che vola
adesso che non è più sola…
Lucciola si accese
e illuminò il suo cuore
Lucciola che vola
Adesso che non è più sola…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here