Margherita Baldacci

Album

È contenuto nei seguenti album:

1992 Nomi .jpg 1992 Nomi e cognomi
Baccini and Best Friends.jpeg 1997 Baccini and Best Friends (con Ferruccio Amendola)
2002 La notte.jpg 2003 La notte non dormo mai
Ci devi .jpg 2010 Ci devi fare un goal

Testo Della Canzone

Margherita Baldacci di Francesco Baccini

Questa è la storia di Margherita Baldacci
una ragazza di periferia,
una ragazza che lavora in pizzeria
abita in Viale Ungheria.
Lei sta con Giuseppe Mirella, detto Pino,
operaio in fonderia… mamma mia.

Conosco una ragazza di nome Baldacci,
lavora in una pizzeria,
sta da quattro mesi con Pino Mirella
capofficina in una fonderia
lui, nuovo romantico, poeta di periferia
lei stende la pasta e intanto sogna di fuggire via, via, ia, ia.

Baldacci, c’è un universo in te
Baldacci, ma dimmi tu dov’è
lo cerco e non lo trovo
ma dimmi tu se c’è
sarò una testa d’uovo
ma mi fido anche di te.

Pino Mirella fa una festa, una festa di compleanno,
invita Margherita Baldacci e lei commette un grave errore
porta la sua amica Mirella.
Pino Mirella s’innamora di Mirella e scappano insieme
e lei si butta dalla finestra…
…che sfiga.

Un giorno ad una festa a casa del Mirella
mi pare fosse sabato sera,
Baldacci arriva insieme ad una tipa carina
pensavan tutti fosse sua sorella
noooo, invece non era così
ma si chiamava pure lei Mirella
ooooh, ma va a finire sempre così
non ti dovevo portare, non ti dovevo portare,
non la dovevi portare.

Baldacci, crolla tutto intorno a te
Baldacci, ma il mondo tuo qual’è
stendevo la mia pasta
volevo andare in Albania
guardo adesso la finestra
è proprio quella la mia via

Margherita Baldacci, crolla tutto su di te
Rita Baldacci, ma il mondo tuo non c’è
è un bisonte insaponato sui binari di un metrò
forse è un giradischi rotto
un’estate in autostop.
ma siamo tutti Baldacci nai na na na na nai na
mortacci na na na na na
e stendiamo le lenzuola sempre qui in Viale Ungheria
guardiamo giù dalla finestra
forse è quella lì la via.

Ora di Margherita Baldacci ci resta soltanto
un mazzo di fiori sul selciato…
…’azzo

Conoscevi una ragazza di nome Baldacci
lavorava in una pizzeria,
stava con un tipo di nome Mirella
capofficina in una fonderia

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   
STROFA_1:

 Dom                   Dom6
Questa è la storia di Margherita Baldacci
   Dom7             Dom6
una ragazza di periferia,
 Dom                                Dom6
una ragazza che lavora in pizzeria, abita in Viale Ungheria.
 Dom7                           Dom6
Lei sta con Giuseppe Mirella, detto Pino,
Dom        Dom7            Dom6
operaio in fonderia... mamma mia.


STROFA_2:

 Dom                   Fam
Conosci una ragazza di nome Baldacci,
 Sib                Mib Sib
lavora in una pizzeria,
 Dom                   Fam
sta da quattro mesi con Pino Mirella
 Sib                    Mib Sib
capofficina in una fonderia

 Dom          Fam      Sib            Mib Sib
lui, nuovo romantico, poeta di periferia
 Dom          Fam             Sib             Sol
lei stende la pasta e intanto sogna di fuggire via, via, ia, ia.



RITORNELLO:

  Do     Sol/Si   Lam       Sol
Baldacci, c'è un universo in te
Baldacci, ma dimmi tu dov'è
 Fa                Do
io cerco e non lo trovo
  Rem          Sol
ma dimmi tu se c'è
 Fa             Do
sarò una testa d'uovo
      Rem          Sol
ma mi fido anche di te.


STROFA_1:

Pino Mirella fa una festa, una festa di compleanno,
invita Margherita Baldacci e lei commette un grave errore

Dom                       Dom6
porta la sua amica Mirella.Pino Mirella s'innamora di Mirella
  Dom7              Dom
e scappano insieme e lei si butta dalla finestra....che sfiga.


STROFA_2:

Un giorno ad una festa a casa del Mirella
mi pare fosse sabato sera,
Baldacci arriva insieme ad una tipa carina
pensavan tutti fosse sua sorella

noooo, invece non era così ma si chiamava pure lei Mirella
ooooh, ma va a finire sempre così non ti dovevo portare, non ti dovevo
portare,
non la dovevi portare.


RITORNELLO:

Baldacci, crolla tutto intorno a te
Baldacci, ma il mondo tuo qual'è
stendevo la mia pasta
volevo andare in Albania
guardo adesso la finestra
è proprio quella la mia via


Margherita Baldacci, crolla tutto su di te
Rita Baldacci, ma il mondo tuo non c'è
è un bisonte insaponato
sui binari di un metrò
forse è un giradischi rotto
un'estate in autostop.

ma siamo tutti Baldacci nai na na na na nai na
mortacci na na na na na
e stendiamo le lenzuola
sempre qui in Viale Ungheria
guardiamo giù dalla finestra
forse è quella lì la via.


Parlato:

 DOm                Dom6
Ora di Margherita Baldacci
 Dom7            Dom6
ci resta soltanto
 Dom                  DOm6        Dom7  Dom6
un mazzo di fiori sul selciato...'azzo.


STROFA_2:

Conoscevi una ragazza di nome Baldacci
lavorava in una pizzeria,
stava con un tipo di nome Mirella
                         Mib
capofficina in una fonderia.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here