Marzo – Poesia

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Marzo – Poesia di Poesie bambini

E. P. Gorini

Marzo, che bel mantello
ricamato di sole,
ornato di viole,
di lucidi ghiaccioli
Marzo, che bel castello
di petali, di gemme l
E marzo, ridarello,
i primi fiori getta
sopra i gelidi broli,
sul mandorlo e sul pesco,
e poi, quasi pentito,
solleva un vento fresco
e gli adornati rami
spoglia dei bei ricami.
Poi se ne pente ancora
e lancia, d’ora in ora,
gemmule e verdi fronde
sopra spinosi tralci
ricurvi come falci.
Ammassa nubi in cielo,
e stende sulla terra,
di fitta pioggia un velo.
Poi, dal cestello, prende
manciate di ghiaccioli
e il primo verde copre
col bianco della brina
che riscintilla al sole
della chiara mattina.

===================

Ecco Marzo, il terzo mese,
che, scrollando i folli ricci,
un pò matto e un pò cortese
fa le smorfie ed i capricci.
Tutto nervi e argento vivo,
muta umore ogni momento
ed annunzia il proprio arrivo
con la grandine e col vento.
Fischia e morde, piange e ride,
ed ingemma il colle e il prato
mentre,ancora, il vento stride..
Ma l’inverno è terminato,
Quanta luce nel creato,
dopo i tuoni e la bufera!
marzo è il paggio scapigliato
della dolce primavera.

===================

Viene marzo pazzerello.
A piedi nudi cammina sui prati.
Empie d’acqua i fossati
e al viandante rovescia l’ombrello.
Porta il vento, porta il sole,
schiude in fretta qualche fiore
e sulle prode erbose
sparge un acuto profumo di viole
E’ nell’aria, cammina
con la pioggia e col vento,
e chi lo vede si sente contento.

===========================

O marzo, che i petali rosa
dei fiori di pesco colori,
o marzo, che a volte disserri
i primi soavi tepori,
e a volte ventoso e gelato
tormenti le erbette del prato;
O marzo non fare il cattivo,
non rompere i rami’ fioriti,
i rami dei peri e dei meli,
che poi daran frutti squisiti!
E vi pianteranno i bambini
il morso dei bianchi dentini.

=============================

Gelo
marzolino
rattrista
il contadino.

* *
Quando canta il merlo
siamo fuori dall’inverno.

* *
Marzo sbirro
e banderuola
prende il verno
per la gola.

* *
Marzo molle,
gran per tre zolle.
Marzo asciutto
gran dappertutto.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here