Mastro Ruggiero

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Mastro Ruggiero di Peppe Barra

Janni dell’uorto se n’addonarria
ca quanto faccio a ttia tutto è perduto.
Io nun so’ muto
nemmanco so’ paputo
ture lure lu
ca saccio chi si’ tu.

Non me la leva chesta fantasia
ca nun ce grascia chest’è resoluto.
Io nun so’ muto
nemmanco so’ paputo
ture lure lu
ca saccio chi si’ tu.

Dall’auta parte la speranza mia
che quacche tiempo sarrò conosciuto.
Io nun so’ muto
nemmanco so’ paputo
ture lure lu
ca saccio chi si’ tu.

E te lu ddico mò rico lu vvero
ca na spina te pugnarrà lu pere.
Io so’ sincero
e saccio cu chi ll’hai
ture lure lu
ca saccio chi si’ tu.

Tu pur te pienze de me fare Antuono
io saccio addò te premme lu garrese
io conosco lo lampo da lu tuono
e lu lumbardo ancor da l’albanese.
io t’aggio conosciuto da lu tuono
ma tu non me venì co ‘st’entrammese
Va’ figlia mia ca Marzo te n’ha raso
de vennere cetrole pe’ cerase.

Sera passai e tu bella rormive
nun te putiette rà la bbonasera.
‘Nu juorno me ne jeva sepa-sepa
ce trovo ‘n’albero carreco ‘e prune
te lla menaie pe’ sott’a la porta.
– Susete bella mia e pigliatella –
Sagliette ‘ncoppa pe’ li scrutrullare
‘nterra carevano li pere ammature.

Ué Tere’ Tere’ Tere’
io te voglio fà vedè
‘o tappillo sotta fica
comm
o siente freccicà.

Scennette abbascio pe’ mme l’arunare
e chelle erano fiche tanto ll’una.
Se sose bella mia nun ce la trova
se l’ha pigliato lu viento ca mena.
Venette lu patrone relli cerase
rice – Mariola! Tu m’arruobbe ll’uva –
E mme menaie ‘na preta a lu naso
lu sango me scurreva a lli tallune.

Ué Nico’ Nicò Nicò
quanta femmene ‘ncuoll’a ‘n’ommo
‘o tappillo sotta fica
comm
o siente freccicà.

Janni dell’uorto se n’addonarria.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here