Me so’ scurdato ‘e te

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Me so' scurdato 'e te di Canzoni Napoletane

(di Antonio De Curtis
Mariangela D’Abbraccio

Tu te stancaste ‘e me dint’ ‘a vernata,
io m’ero già stancato int’ a l’esta’…
Dispiette ne facetteme a palate,
e pe dispietto si ghiuta a spusa’.
Tu m’he vuluto bene overamente,
e io pure t’aggio amata ‘a verità,
però mo ‘e te chiù nun me ‘mporta niente,
nun tengo manco o tiempo ‘e te penza’.

Me sò scurdato ‘e te
e vuò sapè pecchè?
Mo voglio bene a n’ata,
ch’è assaje chiù meglio ‘e te!
Na bella ‘nnammurata,
ca penza sulo a me.
Tu t’he scurdato ‘e me,
io chiù nun penzo a te,
però quanno chell’ata
me vase, io veco te,
e tu si staje cuccata
c’ ‘o sposo, pienze a me!

Mo tutt’e juorne passe pe ‘sta via,
cu na speranza ‘ncore e me vedè,
sparagnate ‘o disturbo bella mia,
‘o vuò capì ca io chiù nun penzo a te.
Nce avive penzà buono int’ ‘a vernata,
quanno nun ne vuliste chiù sape’…
io m’ero già calmato int’a l’estate
quanno pensaje chest’ata è meglio ‘e te!

Me sò scurdato ‘e te
e vuò sapè pecchè?
Mo voglio bene a n’ata,
ch’è assaje chiù meglio ‘e te!
Na bella ‘nnammurata,
ca penza sulo a me.
Tu t’he scurdato ‘e me,
io chiù nun penzo a te,
però quanno chell’ata
me vase, io veco te,
e tu si staje cuccata
c’ ‘o sposo, pienze a me!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here