M’ero spogliato e m’ero misso a letto

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

M'ero spogliato e m'ero misso a letto di Canzoni Romane

Canzoni Laziali
Ettore De Carolis e Donatina De CarolisLe sorelle BettinelliGruppo Padano di PiadenaDuo di PiadenaRoberto Balocco

M’ero spogliato e m’ero misso a letto,
‘n sogno mi venne la rigazza mia,
piglio li panni e mi calzo e mi vesto,
me piglio lo strumento e vado via.
Vado alla casa della bella mia,
ma a sette chiavi la trovai serrata:
con lo mi’ ingegno e co la mia bell’arte
ci apro le mura e ci spalanco ‘e porte.

Vado alla camerella ‘ndo lei dormiva
se ce dormiva sola o accompagnata:
la ce dormiva col viso scoperto,
un’angela beata mi pareva.
Se ce risveglia tutta sbalordita:
«Dove sei entrato, falso innamorato?».
«Ma io ce sono entrato alle tue porte
ed erano serrate e l’ho riaperte».

«Mo’ che te trovi un momentino quane,
spogliate e me te mette tu a me a un lato,
metti li panni sopra a un tavolino,
che questa notte me te godo io,
metti li panni sopra un cassabanco
e questa notte fosse più d’un anno».

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here