Messaggeri Del Vesuvio – Clementino Testo della canzone

Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

Il Testo della canzone di:
Messaggeri Del Vesuvio – Clementino

Ma che me vuò ric’r cchiù
Già sai io so messagger
Teng o’ poc ra mess in moto
A turb pur sti sto apper
Teng o’ NOS ind ‘e thermos
Veng arò fann ‘e fuoss
Napl dint all’oss
Annanz a panz arint o’ sangue è ross
*L’Italiaa*
Cu tutt o’ ben siete hipster
Cumm ric Callister, ve magnam comm bust ‘e cipster
Ancora una volta Enzucc è cos mej
Ve teng vattut si, ma cu nu flow 96

Vesuvius
‘Ind’ ‘o iazzo da red zone
‘O rap ‘e razza, razzo p’ Houston
‘Iust’ nu lancio, m.c. mission Gemini
Rime p’ ‘e stell’ obbi’ caren’ ‘e vvir’ ‘e veni’
Comm’ a Bikini n’ fann’ fuoss’ ruoss’
Napul’ logos, ‘a vocc’ nu’ chiur’
Messaggi do’ futur’, crur’ e nunn’ e’ New Age
Nummer’ e p’ capi’ ce vo’ Nicolas Cage

Messaggeri del Vesuvio si fa buio
Tu arò fuj, la fusione nello studio di mc mostri conan
Faccio i tuffi nella lava la mattina a mille gradi
Ogni rima è uno Tsunami, you know what I mean?
Non sai più come ti chiami mentre sputo sti lapilli
Il terrone fa terrore, ore di panico e strilli
C’ho strofe catastrofali succhia Scrofa Rockabilly
Solo cenere e rottami da Napoli a Piccadilly

Cà stong ‘e cas ngopp ‘o beat ij pav l’IMU
Chi si tu? *chik chik*, Sandron nice to meet you
Viciù Clement, quann viagg cu Clement
Si l’Italia mo fa un, a te te lasc ‘o riest ‘e trent
Nu venì cchiù, statt into privè che preferisc ‘a sala prov
Avanguardia che vo ‘a me, sent ‘e disc ventinov
Parl ‘e tripp, ma sta tripp ‘a fai cu l’ov
‘E tutt e strunz c’agg appis, o bè, tu e spezzat ‘o chiuov

E pe champagne sai che ce sta l’acqua ‘e mar
Napl cant e tutt quant aizat ‘e man
È o sud ca son ‘e messagger do Vesuvio

E pe champagne sai che ce sta l’acqua ‘e mar
Napl cant e tutt quant aizat ‘e man
È o sud ca son ‘e messagger do Vesuvio

Messagger ro Vesuvio ij putev mai manca?
Iss vol ‘o mast ‘e fest, La Famiglia ce sta
Ro nuvant rutt funk cant o’ sol ra tarant
Se nun er pe l’hip-hop, ij mo già stev o’campusant
Maccarò, me chiamat co min’m part o’ show
Si Napl son ‘e sciem s’assetten into stipon
Assettamm merluzz, DJ te ij a cuccà
Pecchè sti famm e bacca-là, è chimica brother

Cantante di nicchia sta minchia
Il mio flow è fuoco puro
Spinge come il pogo
E picchia-duro come il videogioco
Perdona non c’è tempo sarò onesto
Metto i punti sulle “i”, Svez è Svez, il resto è il resto
Rap leggenda, flow, gran riserva
Quindici anni sul beat senza una figura di merda
Odiatemi pure figli di puttana
Ma la storia insegna, non c’è vittoria se non c’è prima la guerra!

O’ ritorn ro wajon ngopp ‘a traccia
Messagger ro Vesuvio chiav schiaffun ‘a vot bracc
Pan ‘e acqua quann parl ‘a gent
O’ sap ca so sincer ‘e nde sacc nun me tras nient
Io e ‘o Vesuvio una cosa, comm mare e cielo
Pront ‘a smascherà n’at omm cu na facc ‘e cer
Un miezz a tant ‘e lor che viv grazie all’hip-hop
Attiv ra l’antiforn, viv dint ‘a Babilonia

Stazion o’ sud Italia at ca rap American
Pienz ca produc cchiù na piazz ‘e Secondiglian
Flow a nu sub luong ‘e pur
Cu nu sound pesant
È chest è ‘a voc ‘e Kapwan, ‘e pur e sant me sann
Nu luc basic, nu buc chimic
O cacc ‘a vocc è cumm appicc na micc chin ‘e caric
Te scoppij nfacc, ‘e crideme so rapid
Sciglie tu ‘a vit o’ a lapid, fratm!

E pe champagne sai che ce sta l’acqua ‘e mar
Napl cant e tutt quant aizat ‘e man
È o sud ca son ‘e messagger do Vesuvio

E pe champagne sai che ce sta l’acqua ‘e mar
Napl cant e tutt quant aizat ‘e man
È o sud ca son ‘e messagger do Vesuvio

Port mman nu canist chin ‘e stroffl, cunt
Fronn ‘e limon caric ‘e storie a vient comm o’ fumm
Choc inde chiocc comm ‘a catalanesc
Chiù ca popolar, simm popolaresc, ca cresc
Nu cuof’n ‘e perzon ca misc’n ‘a cultur e tradizione nsiem ‘a robba fresc
Simm tre, simm quatt, simm cinc o simm sei
Te sient stu pezzon t’accappott ‘o primm blay

Buonaser ‘e buon ann
Siccom nun ce verimm a cchiù e n’ann pe sott a sta muntagn
Port ‘a mmasciat inda mappat pe cumpagn
Ca comm ven ncia pijamm, bast ca cantamm
Già ce n’amm iut
‘E si Shablo vott ‘e min, Clementino te stut
Rappresentamm Napl inda sedici battut
Ca ncia fann mc, si nu gir canusciut

Non basta la presenza
I messaggeri, quelli seri, danno la sentenza
Lirica l’appartenenza
Stai in campana quando vedi la Campania
Nella zona Vesuviana non puoi far di un fascio un’erba
Dal parcheggio ogni metrica è un cruciverba
Un taglio-e-cuci da palleggio a chi se lo inventa
Nelle jam senti come suona la mia terra
È uno schiaffo morale a chi si fa la guerra

Teng ó stile in da l' enzim c s' ammesca có Thc
Ne metter e benzin p viaggià pè strad ca sacc io
Comm a nu messagger só partut rà campania
Port ‘o suon ro uaglion ca zomp sott o vulcan
So na iena disumana, nu mit Rint All' odissea
Spar rim ngopp o Groove Ra scena partenopea
Song e napl, agg affrontat 1000 ostacl
E comm a nu miracl ció mett ngul ó riavl. Jesus!

Ecco una serie di risorse utili per Clementino in costante aggiornamento

Pubblica i tuoi Testi!
Contattaci: [email protected]

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *