Nascettero lu Messia e Razzullo

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Nascettero lu Messia e Razzullo di Canzoni Napoletane

Nascette lu Messia
avenne puveriello
nu voia e n’aseniello
pe’ vrasera.
‘Nu ninno a ‘sta manera
nascette ‘e chistu juorno
pe’ fa’ dispietto e scuorno
a farfariello.
Ca chillu mariunciello
nce aveva già arraffate
e si nce avea pigliate,
ce arrusteva.

Quann’io nascette ninno ‘a cuorpo a mamma,
a Napule nascette muorto ‘e famma.
E muorto ‘e famma nun appena nato,
mammella mia dicette :”E’ nato un’altro sventurato”.

Si ‘ntiempo nun veneva
da cielo lu guaglione
ca p’essere sguazzone
nce priggiaje.
Ce fa’ venire a mente
la lummenosa stella
la bella ‘rutticella
e li pasture.
Ch’appena che vedettero
lu cielo alluminato
dicettero era nato
lu Messia

Chiagnenno appena nato int’a ‘stu lietto,
cercaie da mamm’lla ‘a zizza ‘mpietto.
Ma zuca che te zuca ‘stu nennillo che te pesca?
Da chella zizza ‘o latte era comma ll’acqua fresca!
Cchiù zuca ca te zuca e chillu pietto cchiù s’arrogna,
zucanno me ‘mparaie a sunare la zampogna…..
Nuvena,nuvena,Natale mò vene
ma cu ‘sta nuvena cchiù famme me vene,
verenno magna’ pe’ chi tene ‘e quattrine,
verennolo sulo adderet
e vvetrine,
e allora me cocco cu tutte calzine
e ‘a notte me sonno ca nasce un bambino
che nasce ‘e rimpetto a ‘na bella cantina,
cu addore ‘e suffritto,cu tre litr
e vino,
n’appesa ‘e sacicce,nu bellu capone,
anguille ammescate cu lu capitone,
castagne ro prevete,noce e nucelle,
‘nzalata ‘e rinforzo cu lu susamiello…
Ma senza renare,
‘a nott
e Natale,
me fummo ‘na pippa
e me vaco a cuccà…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here