Nero

Album

È contenuto nei seguenti album:

1987 Terra di nessuno

Testo Della Canzone

Nero di Francesco De Gregori

Dalla periferia del mondo a quella di una città ,
la vita non è una caravella, e il Nero lo sa.
Dimmi dove si va a dormire, dimmi dove si va a finire,
dimmi dove si va, il Nero che scarpe nere che c’ha!
Dalla periferia del mondo, il Nero Neronerò,
fu scaraventato non ancora giorno da un vecchio furgone Ford.
E si stropiccia gli occhi, balla e cammina
e canta sotto il cielo di Latina,
grande città del Nord,
il Nero che ritmo, che rock e che roll!
Dalla periferia del mondo a quella di una città ,
la vita non è una passeggiata e il Nero lo sa,
preso a calci dalla polizia,
incatenato a un treno da un foglio di via
oppure usato per un falò,
il Nero te lo ricordi il Nero quando arrivò?
Un giorno con un pezzo di specchio
un orecchio si tagliò
e andava sanguinando avanti e indietro
e diceva “Sono Van Gogh!”
e aveva dentro agli occhi una malattia,
ma chissà quale tipo di malattia,
di malattia d’Amor, il Nero, che AMORE IL NERO!
Nero Nerooo.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
FA                                        DO
Dalla periferia del mondo a quella di una città

LAm                 LAm7         FA      RE
la vita non è una caramella e il nero lo sa

SOL                       FA
dimmi dove si va a finire dimmi dove si va a finire

DO    SOL     LAm   E                               SOL
dimmi dove si va il nero che scarpe nere nere che c'ha


Dalla periferia del mondo il nero nero

fu scaraventato che non era ancora giorno da un vecchio furgone Ford

e si stropiccia gli occhi balla cammina e canta sotto il cielo di
Latina

grande citta del nord il neo che ritmo il neo


Dalla perferia del mondo a quella di una città

la vita non è una passeggiata e il nero lo sa

preso a calci dalla polizia incatenato a un treno da un foglio di via

oppure usato per un falò il nero te lo ricordi il nero quando arrivò


Che si sbarbava con un pezzo di specchio ed un orecchio si tagliò

e andava sanguinando avanti e indietro dicendo sono Van Gogh

e aveva dentro gli occhi una malattia ma chissa quale tipo di malattia

di malattia d'amor il nero che forza il nero nero nero



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here