Nostro Messico febbraio ’23

Testo Della Canzone

Nostro Messico febbraio '23 di Canzoni politiche

Anno 1923
Rudi Assuntino

Nostro Messico febbraio ’23
lasciò Carranza passar gli americani
molti fanti seicento aeroplani
seguiron Villa per il Messico inter.

Cominciaron a mandare spedizioni
gli aereoplani cominciarono a volare
ogni casa venne rastrellata
cercavan Villa lo volevano ammazzar.

Quelli a cavallo non potevan cavalcare
e quelli a piedi non potevano marciar,
allora Villa passò su un aereoplano
e dall’alto li salutò good-bye.

Cominciarono con i bombardamenti
allora Villa uno scherzo preparò
si vestì da soldato americano
e i suoi soldati in questo modo trasformò.

E quando i gringos videro le bandiere
con quelle strisce che Villa disegnò
atterraron coi loro aereoplani
e Pancho Villa così li catturò.

A Chihuahua ed a Città Juarez
ci fu sorpresa tra la popolazion
nel vedere tanti gringo e carranzisti
che Pancho Villa appese ai lampion.

Ai carranzisti e agli uomini del Texas
da Chihuahua a Camargo a Carrizal
Pancho Villa con tutte le sue forze
inflisse una batosta senza egual.

Cosa credevan di trovar gli Americani
che avevan preso per un gioco questa guerra?
Con la faccia piena di vergogna
se ne tornaron alla loro terra.

E io vi chiedo fedeli compagni
di rimanere pronti ai piedi del cannon
e di sparare l’ultima mitraglia
per difendere l’idea e la nazion.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

     
       Do          Sol    Do
Nostro Messico febbraio '23
           Fa                   Sol
lasciò Carranza passar gli americani
      Fa                 Do
molti fanti seicento aeroplani
         Sol                    Do
seguiron Villa per il Messico inter.

Cominciaron a mandare spedizioni
gli aereoplani cominciarono a volare
ogni casa venne rastrellata
cercavan Villa lo volevano ammazzar.

Quelli a cavallo non potevan cavalcare
e quelli a piedi non potevano marciar,
allora Villa passò su un aereoplano
e dall'alto li salutò good-bye.

Cominciarono con i bombardamenti
allora Villa uno scherzo preparò
si vestì da soldato americano
e i suoi soldati in questo modo trasformò.

E quando i gringos videro le bandiere
con quelle strisce che Villa disegnò
atterraron coi loro aereoplani
e Pancho Villa così li catturò.

A Chihuahua ed a Città Juarez
ci fu sorpresa tra la popolazion
nel vedere tanti gringo e carranzisti
che Pancho Villa appese ai lampion.

Ai carranzisti e agli uomini del Texas
da Chihuahua a Camargo a Carrizal
Pancho Villa con tutte le sue forze
inflisse una batosta senza egual.

Cosa credevan di trovar gli Americani
che avevan preso per un gioco questa
[guerra?
Con la faccia piena di vergogna
se ne tornaron alla loro terra.

E io vi chiedo fedeli compagni
di rimanere pronti ai piedi del cannon
e di sparare l'ultima mitraglia
per difendere l'idea e la nazion.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here