‘Nu penziero… accussi’ – Peppino De Filippo

 

 

Testo Della Poesia

‘Nu penziero… accussi’ – Peppino De Filippo

Ha campato felice
pecché ha fatto comme se dice?
‘a vita ‘e ‘nu santo.
Penitenze e preghiere
matine e sere.
Niente fumo, niente ammore.
Ha vuluto campà
sulo facennte “bene”
pure quanno, in verità,
nun sentiva d’ ‘o ffa’.
‘Na vita ‘e sacrifizie
senza se fa passà ched’ è ‘nu sfizio?
Tutto chesto pecché?
Pe’ guderse all’al di là
‘o Paraviso eterno.
Ll’avite visto muorto?
Sì, è overo, pareva ca dicesse,
pe’ bbia ‘e chillu sorriso
ca teneva:
“Me stongo, finalmente,
godenno ‘o Paraviso…!”.
A mme m’è parso, invece,
ca chillu pizzo a rriso
vulesse di’: “… Campate,
campate comme a mme.
Privateve ‘e tutto
Mettennove, accussì, contro “natura”.
Qua’ Paraviso, Inferno o Purgatorio?
Storie!
Nun esiste niente:
niente è overo!
‘A vita e ‘a morte songhe ‘nu mistero
ca né vivo né muorto
nisciuno po’ svelà!
Campate, campate comme a mme
contro “natura” …
e po’ vedite che bella fregatura !”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here