Nu’ sbaglio

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Nu' sbaglio di Salvatore Di Giacomo

— Cche ffaie lloco, vicchiariello,
sott’ a st’ arbero assettato?
E a chi aspiette, int’ ‘o mantiello
tutto quanto arravugliato?
— Chi mm’ ha dato appuntamento,
figlio mio, ma venarrà;
ccà ll’ aspetto, e so cuntento:
pe ccà nnanze ha dda passà.
41
Ma si siente a n’ ato ppoco
na ventata fredda e forte,
figlio mio, scostete ‘a lloco:
nun guardà!… Chi passa è ‘a Morte. —
E ‘a ventata fredda e forte
sciusciaie quase llà ppe llà:
e passaie, currenno, ‘a Morte:
e afferaie, senza guardà.
Ah! Che strillo se sentette
sparpetà p’ ‘o viento ‘e marzo!
Sulo, ‘o viecchio rummanette:
‘o guaglione era scumparzo…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

1 COMMENTO

  1. io sapevo così:
    Che fai ‘lloc vicchiariellp
    sott a starbero assettato?
    A chi aspiett ind ò mantiello
    tutto quanto arravugliat?
    A chi aspett,figliu mio
    certament venarrà
    ccà l’aspett e sò cuntent
    pe ‘ccà nnanz addà passà.
    E se sent a natu ‘ppoc
    na ventat fredd e fort
    “Figliu miu,scuostet alloc
    stà arrivann:Chi pass è a mort
    A ventat fredd e fort
    sciusciaie quas llappellà
    e passai currenn a mort
    e afferrai senza guardà.
    Ah che scrill se sentett
    sparpetà po vient e marz:
    sul o viecchiu rimmanett:
    O quaglion era scumparz.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here