Nun pozzo parlà

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

1997 Coyote interrotto

Testo Della Canzone

Nun pozzo parlà di Federico Salvatore

Entrate donna Amà sono in cucina
Che mi sono svegliata stamattina
Col desiderio ‘e fa ‘nu bello pullo
Me lo mangio mentre vedo Biutifullo
Per me ‘a televisione è compagnia
Ca stono sempre sola in casa mia
Non frequenteggio e non mi piace andare
Nelle case altruiste per spettegolare
Ma del palazzo saccio ogni magagna
Potrei prendere il posto di Castagna
Che sono teleigienica e elegante
E ssaccio o’vero ‘e cazze ‘e tutte quante
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
Ehhhhh quante ‘nciuce v’avessa cuntà
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
No vi prego….nun pozzo parlà.La sposa che è venuta ad abitare
Al primo piano è andata sull’altare
Con il vestito bianco ma per finta
Che quando si è sposata era già incinta
La figlia del dottore dirimpetto
Sseeeeeeeè! SI è fatta il silicone dentro al petto
Dalla finestra io l’ho vista annura
Tene ddoie zizze donna Amà….fanno paura
E intanto mio marito il pesciolone
Si è preso la bronchite sul balcone
E con la scusa dell’astronomia spaziale
‘stu strunzo si è comprato il cannocchiale
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
Ehhhhh quante ‘nciuce v’avessa cuntà
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
No vi prego….nun pozzo parlà, nun pozzo parlà, non posso parlare!

Al quarto piano c’è quel giovinotto
Secondo me è nato col difetto
Sarà un pochino omossessuato
Che c’ha trent’anni e non è fidanzato
Poi è molto tempo che non vedo più
Il figlio del portiere per qua giù
Seeeeeèè… la mamma ha detto che sta da una zia
Ma quello stava nella drogheria
E ‘a studentessa che studia le lingue
Quella che vive nell’interno cinque
Adesso sta studiando il giapponese
Quello che le compra una pelliccia al mese
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
Ehhhhh quante ‘nciuce v’avessa cuntà
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
No vi prego….nun pozzo parlà, nun pozzo parlà,
non posso parlare!

ho saputo ‘a mia sorella Lionora
Che la cognata è una parente della nuora
Della suocera ch’è ‘a mamma del cugino
Nientemeno del nipote della zia di un mio vicino
Che convive ‘cu ‘na cessa separata
Che la moglie non ancora divorziata
Del cornuto ch’era il genero romano
‘e chella zoccola ca’ sta’ all’ultimo piano
Ca tene sempre ‘a puzza sotto ‘o naso
‘na puzza ca mo ‘a sento dint’’a casa
Maronna Donna Amà me so scurdato
‘o pullo sotto ‘o furno s’è bruciato
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
Ehhhhh quante ‘nciuce v’avessa cuntà
Donna Amà, Donna Amà, Donna Amà
Iatevenne mo tengo che ffà

Eh se Donna Amalia, Donna Amalia
Lo so io come lo paga il condominio
All’amministratore donn’Erminio …come fa? Eh!
nun pozzo parlà, nun pozzo parlà, nun pozzo parlà.
Nun pozzo parlà!



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here