Nuttata ‘e Natale

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

Nuttata 'e Natale di Salvatore Di Giacomo

Dint’ ‘a na grotta scura
dormeno ‘e zampugnare:
dormeno, appese a ‘e mura,
e ronfeno, ‘e zampogne
quase abbuffate ancora
‘a ll’ ùrdema nuvena;
e, ghianca, accumparesce e saglie ncielo,
dint’ ‘a chiara nuttata, ‘a luna chiena
Dormeno: a mezanotte
cchiù de n’ ora ce manca;
e se sparano botte,
s’appicceno bengala,
e se canta e se sona
pe tutto ‘o vicenato…
Ma ‘o Bammeniello nun è nato ancora,
e nun s’ è apierto ancora ‘o Viscuvato.
Fora, doppo magnato, esce nfucata ‘a gente:
ccà d’ ‘o viento gelato,
p’ ‘e fierre d’ ‘a cancella,
trase ‘a furia ogne tanto…
E c’ ‘o viento, e c’ ‘o friddo,
ncopp’ ‘a paglia pugnente, a ppare a ppare,
dormeno, stracque e strutte, ‘e zampugnare…
S’ è scetata mpunt’ ‘e quatto
na zampogna, e sta parlanno.
— Bene mio! — dice. — E n’ at’ anno
ca turnammo a beni’ ccà!
E turnammo, n’ ata vota,
a fa’ ‘o soleto lamiento:
viene, vaie, nun truove abbiento,
sona ccà; va a sunà llà!
E che suone? Ullèro, ullèro!
E nasciuto il Re del Cielo,
che nel candido suo velo
sulla terra calerà!
Maie d’ammore na canzona,
maie, maie n’ aria o allera o doce!
‘E na femmena na voce
maie putimmo accumpagnà!
Mme credite? Sto speruta
‘e sentì n’ aria curtese,
e chest’ aria d’ ‘o pagghiese
cu stu suono accumpagnà! —
E rispunnette n’ ata zampogna:
— Cummà, sentite, ve voglio di’
ca senz’offesa, si premmettete,
st’ aria curtese m’ ‘allicordo i’.
È anticulella, ma nun fa niente,
ca se pò sempe bona cantà:
po’ addò sta scritto ca brutto è ‘o bbiecchio?
Nun cagna ammore: nun pò cagnà.
E comm’ a chesta quant’ ate e quante
me n’ allicordo belle accussì!
Cierti canzone cu cierti stese
fatte p’ ‘e core fa’ ntenerì!…
— Embè… sunatene quaccuna… — E comme?
Si nun m’ abboffeno che buo’ sunà!?
— Zi’!… St’ amicizia surtanto ‘o viento,
si ‘o viento è amabbele, mo ce pò fa’…
— Viento! — dicettero tutte ‘e zampogne —
nficchete, mpizzete, fance abbuffà!
Fance chest’ urdema nuttata, st’ anno,
cuntenta, a Nnapule bella, passà… —.
E tècchete trasette p’ ‘e cancelle
nu sbruffo ‘e viento e ll’ abbuffaie, sciuscianno
dint’ ‘e zampogne e mpont’ ‘e ciaramelle.
E ‘a grotta se scetaie: liggiero e lento
nu mutivo ‘e canzone ‘e primmavera
accumminciaie cu n’ accumpagnamento
a tterza sotto. ‘A luna, auta ca steva
e cammenanno, se fermaie: chiù tonna
‘e nu melione e cchiù ghianca d’ ‘a neva.
Guardatele, guardatele… Sentenno
sta museca, sunà, doce, ‘int’: ‘o scuro,
se torceno ‘e cchiù giuvene, durmenno.
Se voteno, se gireno, c’ ‘a faccia
ncopp’ ‘e mantielle, e comm’ ‘int’ a nu suonno,
muoveno ‘e mmane e stenneno li braccia…
Ronfeno ‘e viecchie: sprufunnate stanno,
surde, stracque, ‘int’ ‘o suonno e dint’ ‘a paglia:
e a stu suono suttile ‘o basso fanno…
e ce sta, ncoppa, n’ arbero affatato:
rire chi saglie e chi scenne se lagna,
ca ‘o frutto culurito è mmelenato!
Ah! Ullèro, ullèro, ullà!
E comm’ a na muntagna…
E nun canta sta voce, aiemmé, se lagna!…
Ricordete, Marì! L’ aria addurava,
ce ne ievemo sule a passe a passe;
e ce faceva luce e ce guardava
na luna che pareva ca penzasse…
Ah! Ullèro, ullèro, ullà!
Sta luna ce guardava…
Chi sa che lle pareva e a che penzava!
Torno p’ ‘a stessa via: ce passo a ll’ ora
ca ce passaie cu tte ll’ urdema vota:
mme pare ‘a voce toia sentere ancora…
Ah! comm’ avota ‘o munno, ah, comm’ avota!…
E ullèro, ùllèro, ullà!
Te chiammo: e ‘a miez’ ‘e ffronne
ll’ eco, ll’ eco surtanto mme risponne…
D’ ‘e pedezzulle tuoìe, nterra, ccà nnante
veco e canosco ‘o segno c’ aie lassato:
vicino a loro, uh Dio, chiaro e lampante,
‘o segno ‘e n’ ati dduie ce sta stampato!…
Ah! Ullèro, ullèro, ullà!
Povero a me! So’ stato
pe n’ at’ ommo traduto e abbandunato!…
Tutto è fenuto! C’ ‘a staggiona nova
làsseno ‘a casa vecchia ll’ aucielle,
correno a n’ ata parte e fa’ la cova,
e tu pure, tu pure e’ mise ‘e scelle!…
E ullèro, ullèro, ullà!
L’ammore è na muntagna
rire chi saglie e chi scenne se lagna…
E fenette ‘a canzona…
(E pareva c’ ‘o cielo, for’ ‘a grotta,
se fosse fatto p’ ‘a piatà cchiù niro,
dint’ ‘a pace d’ ‘a notta.)
E fenette accussì, cu nu suspiro…
— E ghiate, ia’!.,. — dicette.
‘a cchiù longa e cchiù allera ciaramella. —
E chesta è stata ‘a canzona curtese?!
Ne saccio una cchiù bella…
Iammo! ‘O viento ce sta. Se canta a stesa…
Cu sta malincunia
v’ ammusciate cchiù assaie, cummara mia! —
— Oi ma’, dicette a màmmema na vota —
io mme vurria nzurà: che nne dicite?
vurria truvà na femmena e na dota:
cunzigliateme vuie ca vecchia site. —
Màmmema ‘a capa aizaie: mpont’ a nu dito
teneva ‘o ditaliello spertusato,
me metteva na pezza a nu vestito,
e ‘int’ ‘a pezza lassaie ll’ aco appezzato…
E dicette accussì:
Nda mbò! Ndì ndì!
«Oro t’ ha dda purtà, seta e velluto,
e pperne ‘e qualità, sfuse e nfelate,
nu cummò ‘e palisante auto e ghienguto
‘e panne lisce e panne arricamate.
Si è d’ ‘o pagghiese ‘a massaria nzerrata
addò nisciuno maie nun c’ è trasuto:
si è de cità na bona annummenata,
n’ arte ‘e mmane e nu patre canusciuto…
Canusciuto, guagliò!
Nda mbò! Nda mbò!»
— E quann’ è chesto, oi ma’, — lle rispunnette
sta nenna tale e quale rifurmata
comm’ ‘a vulite vuie, senza difette
e cu tanta virtù, l’aggio truvata.
Rosa se chiamma. ‘E pperne? ‘E ttene mmocca.
Ll’ oro? Songo ‘e capille anella anella.
‘O musso è comm’ à ddoie cerase a schiocca.
‘E velluto so’ ll’ uocchie… E bella! E bella!
È bella, è bella, oi ma’!
Nda mbò! Ndì ndà!…
E pe riguardo ‘a massaria…
Fenette
tutta na vota ‘a museca. Sfiatate
zampogne, e ciaramelle
fenettero ‘e sunà. Pe nu mumento,
dint’ ‘o silenzio, ‘a grotta
rummanette accussì:
po’ luntano sparaie n’ urdema botta,
e nu gallo cantaie: «Chicherichì!».
«Chicherichì!.. .» tante e tant’ ata galle
rispunnettero a ttuono.
L’ organo d’ ‘a parrocchia ‘e ffunzione
nfra tanto accumpagnava
spannenno ‘o suono attuorno,
e già p’ ‘a strata ‘a gente cammenava.
Era Natale. E s’ era fatto iuorno.
— Scetateve, scetateve, picciuotte!
Mannaie! Parte ‘o papore!
Susiteve ch’ è tarde: è fatto iuorno
e vuie durmite ancora!
Pigliateve ‘e zampogne,
ncapputtateve buone ascenno fora,
ca fa nu friddo ca fa zumpà ll’ ogne! —
E, a ppoco a ppoco, ‘a grotta vummecaie
(parlanno cu rispetto)
quase na sittantina ‘e zampugnare.
Stunate ‘e cchiù figliule
steveno tutte quante…
Camminaveno arreto sule sule:
ieveno ‘e viecchie, accapputtate, nnante.
Mo s’ ‘e pporta ‘o cummoghio: e sesca, e corre:
e case, arbere e sciumme
fuieno comm’ ‘o viento…
Nun parla cchiù nnisciuno
mmiez’ ‘a fredda campagna;
ma pur ancora suspira quaccuno:
«Ammore, ca si’ comm’ a na muntagna. ..».

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here