‘O guarracino

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

'O guarracino di Canzoni Napoletane

Massimo Ranieri

Peppe Barra

A lu Guarracino che jeva pe’ mare
le venne voglia de se ‘nzorare,
se facette ‘nu bello vestito
de spine e de scarde pulito pulito
cu ‘na perucca tutta ‘ngrifata
de ziarelle ‘mbrasciolata,
co lo sciabò scolla e puzine
de ponte angrese fine fine.
Doje belle cateniglie,
de premmone de conchiglie,
‘nu cappiello aggallonato
de codarino d’aluzzo salato
tutto posema e steratiello,
jeva facenno lo sbafantiello,
e girava de ccà e de llà:
la ‘nnammorata pe’ se truva’.
La Sardella a lu balcone
jeva sonanno l calascione;
e a suono de trommetta
jeva cantanno ‘st’arietta:
“E llarè lo mare e lena
e la figlia da siè Lena,
ha lasciato lo ‘nnammorato
pecché niente l’ha rialato”.
Lo Guarracino che la guardaje
de la sardella s’ annammoraje;
se ne jette da ‘na Vavosa
la cchiù vecchia e maleziosa;
l’ebbe bona rialata
pe’ mannarle la ‘mmasciata;
la Vavosa pisse pisse
chiatto e tunno ‘nce lo disse.
Ma la sardella ch
a sentette
rossa rossa se facette,
pe’ lo scuorno che se pigliaje
sotto a ‘no scuoglio se ‘mpezzaie;
ma la vecchia de vava Alosa
subete disse – Ah schefenzosa!
De ‘sta manera non truove partito
‘ncanna te resta lu marito.
Si aje voglia de t’alloca’
tante smorfie non aje da fa’,
fora le zeze e fora lo scuorno
anema e core e faccia de cuorno.
Ciò sentenno la zì Sardella
s’affacciaje a la fenestrella,
facette ‘n’uocchio a zennariello
a lo speruto ‘nnammoratiello.
Ma la Patella che steva de posta
la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch’avea ‘nchiantato l’Allitterato
primmo e antico ‘nnammorato:
de carrera da chisto jette
e ogni cosa ‘lle dicette.
Quanno lo ‘ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello,
jette a casa s’armaje e rasulo
se carrecaje comm’a ‘no mulo,
de scoppette e de spingarde,
povere, palle stoppa e scarde;
quatto pistole tre bajonette
dint’a la sacca se mettette.
‘Ncoppe spalle sittanta pistune
ottanta bombe e ciento cannune;
e comm’a guappo Pallarino
jeva cercanno lo Guarracino:
la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo ‘ncontraje
se l’afferra p
o cruvattino
e po’ lle dice: – Ah malandrino!
Tu me lieve la ‘nnammorata
e pigliatella chesta mazziata.
Tuppete e tappete a meliune
le deva paccare e secuzzune,
schiaffe, ponie e perepesse
scoppolune, fecozze e cunnesse,
sceverechiune, sicutennosse
e ll’ammaccaie osse e pilosse.
Venimmoncenne ch’a lo rummore
pariente e amice ascettere fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste cu barre e chille cu spite,
chi co ammennole e chi cu antrite,
chi cu tenaglie e chi cu martielle,
chi cu turrone e susamielle.
Patre, figlie marite e mugliere
s’azzuffajeno comm’a fere.
A meliune currevano a strisce,
de ‘stu partito e de chillo li pisce,
che bediste de sarde e d’alose,
de palaje e raje petrose,
sareche, dientece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!
Treglie, tremmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, launne e retunne;
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e piscatrice
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, òstreche e ancine.
Vongole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle.
Spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scauze, ‘nzuoccole e colle scarpe,
sconciglie, àmmere e ragoste,
vennero ‘nfino colle poste…
Muorze e pizzeche a beliune!
A delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!
Ttà, ttà, ttà, llà scuppettate!
Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune!
Bù, bù, bù, llà li cannune!
Pistulate,scuppettate,
li pistune,li cannune…Ah……
Ma de canta’ so’ già stracquato,
e me manca mò lo sciato;
sicché, dateme licenza,
graziosa e bella audienza,
‘nfì che sorchio ‘na meza de seje,
co’ salute de luje e de leje,
ca me se secca lo cannarone
sbacantannose lo premmone.

*****************************************

‘O guarracino ca jeva p’o mare
jeve truvanno ‘e se nzorare

‘O guarracino ca jeva p’o mare
jeve truvanno ‘e se nguaiare

se facette ‘nu bello vestito
chino chino ‘e scorze d’ancino
nu scarpino fatt’a ngrese
‘a pettinatura a la francese

nu scarpino fatt’a ngrese
‘o cazunciello a la francese

allustrato e puletiello
jeva facenno ‘o nnammuratiello

allustrato e puletiello
jeva facenno ‘o nnammuratiello

La sardella ca ‘o verette
‘o ghianco e ‘o russo se mettette
po’ pigliaie ‘o calascione
e mpruvvisaie ‘na canzone

po’ chiammaie a Pascalone
e le cucette lu cazone

‘a canzone co liuto
‘o guarracino s’è ncannaruto

‘a canzone co liuto
‘o guarracino s’è nzallanuto

Passa a tiempo ‘a zia vavosa
vecchia trammera zandragliosa
‘a vavosa pe’ ‘nu rano
faceva li pisce la ruffiana

‘a vavosa pe’ ‘nu rano
frieva l’ove ‘into tiano

jesce llà fora e mpostalo pietto
si vuò stu marito rinto lietto

jesce llà fora e mpostalo pietto
si vuò fa mò ‘nu rispietto

‘A sardella a sti parole
se facette ‘na bbona scola
de curzera s’affacciaie
e ‘o guarracino zenniaie

de curzera s’affacciaie
e tutte li trezze l’ammustaie

mentre ca lloro amuriggiavano
tutte li pisce se n’addunavano

mentre ca lloro amuriggiavano
tutte li pisce la spiavano

Primma fuie ‘na raosta
ca da luntano faceva la posta
pò se ne venne la raia petrosa
e ‘a chiammaie schefenzosa

pò se ne venne la raia petrosa
e ‘a chiammaie brutta zellosa

pecché trarev’all’allitterato
ca era geluso e nnammurato

pecché trarev’all’allitterato
ca era ‘nu piezzo ‘e scurnacchiato

L’allitterato ca l’appuraie
tutti li sante jastemmaie
e alluccanno voglio vendetta
corze alla casa comm’a saetta.
Pò s’armaie fino fino
pe’ sguarrà lu guarracino

Pò s’armaie fino fino
pe’ spaccà lu guarracino

Marammé oi mamma bella
alluccava la zi’ sardella
Marammé oi mamma bella
alluccava la zi’ sardella

e ‘a vedé stu cumbattimento
le venette ‘nu svenimento
le venette ‘n’antecore
e tutt’e pisci ascettero fore

le venette ‘n’antecore
e ‘o capitone ascette fore

Bello e bbuono comm’a niente
ascettero tutte a pisci fetiente
Bello e bbuono comm’a niente
ascettero tutte a pisci fetiente

tira e molla piglia e afferra
mmiez’a sti pisci lu serra serra
tira e molla piglia e afferra
mmiez’a sti pisci lu serra serra

Quatto ciefere arraggiate
se pigliavano a capucciate
tutte li purpe cu ciento vraccia
se pigliavano a pisci ‘nfaccia

tutte li purpe cu ciento vraccia
se pigliavano a panne ‘nfaccia

‘na purpessa a ‘na vicina
le faceva lu strascino

‘na purpessa a ‘na vicina
le stracciaie lu suttanino

Mentre ‘e sarde alluccavano a mare
“ca ve pozzano strafucare!”
‘nu marvizzo cu ‘n’uocchio ammaccato
vuttava mazzate da cecato

‘nu marvizzo cu ‘n’uocchio ammaccato
vuttava mazzate da cecato

quanno cugliette pe’ scagno a ‘na vopa
chesta pigliaie ‘na mazza de scopa

quanno cugliette pe’ scagno a ‘na vopa
chesta pigliaie ‘na mazza de scopa

Piglia sta mazza e fuje da llà
mannaggia lu pesce co baccalà
se secutavano ore e ore
pigliala ‘a capa e fuje p
a cora.

se secutavano ore e ore
pigliala ‘a capa e fuje pa cora.

Ddoje arenche vecchie bizzoche
se paliavano poco a poco
Ddoje arenche vecchie bizzoche
se paliavano poco a poco

e ammaccannose ‘o paniello
mettettero mmiezo a ‘nu piscitiello
stu piscitiello che era fetente
facette ‘na mossa malamente
stu piscitiello che era fetente
facette ‘na mossa malamente

stu piscitiello svergugnato
facette po’ sotto ‘o smaliziato

stu piscitiello disgraziato
facette po’ sotto ‘o scurnacchiato

Ma ‘nu palammeto bunacchione
magnava cozzeche c
o limone
e ‘nu marvizzo virettolo sulo
te lo piglia a cavece ‘nculo

e ‘nu marvizzo virettolo sulo
te lo piglia a muorze ‘nculo

tutto nzieme a sta jurnata
se sentette ‘na scuppettata
tutto nzieme a sta jurnata
se sentette ‘na scuppettata

Pe’ la paura a ‘na patella
le venette ‘na cacarella
pe’ la paura ‘a nu piscitiello
le venette ‘nu riscinziello

pe’ la paura ‘a nu piscitiello
s’arrugnaie lu ciciniello

mentre ‘nu rancio farabutto
muzzecava li piere a tutte
mentre ‘nu rancio farabutto
muzzecava li piere a tutte

muorte e bbive ne li stesse
ce cantava ‘e Ssante Messe
S’appicicavano a mala parole
e se nturzavano bbuono e mmole
po’ pe’ farse ‘na bbona ragione
danno de mano a lu cannone
‘o cannone facette ‘nu scuoppo
lu guarracino restaie zuoppo

‘o cannone facette ‘nu scuoppo
lu guarracino restaie zuoppo

zuoppo zuoppo mmieza via
che mmalora e mamma mia

tuppe tuppe bella mia
che mmalora e mamma mia

Signure mieie ca sentite
vurria sapé si ‘o credite
chi s’agliotte sti pallone
tene ‘nu bbuono cannarone

chi s’agliotte sti pallone
tene ‘nu bbuono cannarone

chi s’agliotte chesta palla
cu tutt
e pisci rimana a galla
chi s’agliotte chesta palla
cu tutte pisci rimana a galla

zuffamiré e zuffamirella
e ‘ntinderindì cù la tarantella
zuffamiré zuffamirà
mannaggia lu pesce c
o baccalà

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here