‘O raggio ‘e sole

Poeti

Poeti Napoletani

Poeti Romani

È la colonna sonora dei seguenti libri:

Testo Della Poesia

'O raggio 'e sole di Raffaele Viviani

‘A matina
c’arapo ‘o balcone
me trase ‘a staggione
p’ ‘a casa e risciato.
N’aria fina,
n’addore ‘e limone:
m’affaccio e ‘o purtone
sta ancora ‘nzerrato.
Che se sente,
s’allarga ‘o rispiro.
M’avoto, me giro,
m’arracquo ‘e vviole.
Lentamente
se ‘nfìamma l’aurora
e ‘a casa se ‘ndora
p’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Che splendore
p’ ‘a stanza lucente,
che vuo’ tene’ mente
spicchiere e cristalle?
P’ ‘o lustrore
riflesse e scentille
mo rosse, mo lille,
mo verde, mo gialle.
Prete fine:
migliare ‘e culure
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe’ terra ‘e rriggiole.
So’ turchine
zaffire e diamante,
ricame ‘e brillante
pe’ coppa ‘e llenzole.
Che ricchezza
stu sole ce manna;
ma appena s’appanna
s’ ‘e torna a purta’.
‘A priezza
se fa nu squallore,
e ‘a luce d’ ‘o core
cchiù scura se fa.
E accussì
tutte ‘e notte io te veco,
che suonno, che spreco
scetato ‘int’ ‘o scuro.
Appari’
p’ ‘e parete d’ ‘a stanza
vicina, a distanza,
lucente ‘int’ ‘o muro.
‘A nu vano
sparisce e riappare,
rituorne e scumpare
cchiù lustra ‘e na fata.
Chianu chiano
do’ ‘a luce e p’ ‘o lietto
nun trovo arricietto
pe’ tutta ‘a nuttata.
Si venisse
cu l’uocchie lucente,
che vuo’ tene’ mente
spicchiere e cristalle.
Vedarrisse
riflesse e scentille
mo rosse, mo lille,
mo verde, mo gialle.
Spannarrisse
migliare ‘e culure,
p’ ‘e trave, p’ ‘e mmure,
pe’ coppa ‘e rriggiole.
Purtarrisse
p’ ‘a casa ‘o chiarore
cu ‘o stesso bagliore
d’ ‘e ragge d’ ‘o sole.
Si trasisse,
chiudesse ‘o balcone:
trasesse ‘a staggione
cu tutta ‘a fragranza.
Si venisse,
che festa, che sole
pe’ coppa ‘e llenzole.
Che luce p’ ‘a stanza!

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here