Occhi aperti – Nomadi

The music band Nomadi on a terrace. From left, Umberto Maggi, Augusto Daolio, Beppe Carletti, Paolo Lancellotti, Chris Dennis. Asiago (VI), Italy, 1974.

Introduzione

Indice

Album

È contenuto nei seguenti album:

2006 Con me o contro di me

Testo Della Canzone

Occhi aperti – Nomadi di Nomadi

Ci son momenti in cui
basta così poco,
un tono di voce…
Ricordo che non siamo soli al mondo,
muti, rare pieghe del tempo.
Un cane di campagna abbaia,
forse ha fame.
Potessi abbaiare anch’io!
Gli alberi in giardino
come fiere statue
sanno stare al mondo meglio di me.

Occhi aperti davanti al cielo.
Occhi aperti anche dentro al buio.
E come un albero apro le mani, i sogni,
questa vita al fato.

Un irrequieto andare chissà dove, tornare
vagabondi nel grande gioco dell’oca.
Ho spento la luce, aperto la finestra:
nel vento notturno la mia anima si posa.
Un vecchio carico di anni seduto sonnecchia
accanto a un inverno di neve.
Gli alberi in giardino come fiere statue
sanno stare al mondo meglio di me.

Occhi aperti davanti al cielo.
Occhi aperti anche dentro al buio.
E come un albero apro le mani, i sogni,
questa vita al fato.

Occhi aperti davanti al cielo.
Occhi aperti anche dentro al buio.
E come un albero apro le mani, i sogni,
questa vita al fato.

Occhi aperti davanti al cielo.
Occhi aperti anche dentro al buio.
E come un albero apro le mani, i sogni,
questa vita al fato.

Occhi aperti davanti al cielo.
Occhi aperti anche dentro al buio.
E come un albero apro le mani, i sogni,
questa vita al fato.

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here