Parco gondar – Carl Brave

image_pdfCrea Pdfimage_printStampa

Parco gondar – Carl Brave canzone pubblicata per la prima volta nell’anno 2018

Testo della canzone: Parco gondar – Carl Brave

In fondo al testo trovate il video della canzone

Parco gondar – Carl Brave Testo:

Ye ye ye ehi

Ti ho chiamato il diciannove dopo quella foto in po-po-pose
Ho detto: “Andiamo”, hai detto: “Dove? Come? non mi fido che sei un grande attore”
E non so
Affogo il sonno sotto le pezze
Magliette stese sul balcone morsicate da mollette
A cena tonno e scatolette e poi birrette
A Parco Gondar il sole non c’abbronza mai
Apprezza, anzi ma
Lei gioca a fare l’ultima romantica magica
Andiamo per i trenta con le posate in plastica
Stavo senza tuta all’ora di ginnastica
Parto all’inseguimento di una Mini della RedBull
Stormi di PR in strada che s’accollano
Rifiuto un’altra russa, dopo sto un po’ a Facebook
Scrivo l’inghippo al volo come fossi un matador
In vacanza con un solo jeans
Ti ho cioccata con la tua bff
Mi è scesa una lacrima di gin, eh
Parla a gesti, pare che gioca al gioca-jouer

E io che già ragionavo per due
Ballavi ti tenevo per la gonna
Cercavo l’ombra
A Parco Gondar
E io che già ragionavo per due
Scappavi e ti tiravo per la gonna
Cercavo l’ombra
A Parco Gondar

In mare i cavalloni al trotto, s’è ritirato Totti e so’ quasi ventotto
So’ baci a mezza bocca, ci so’ rimasto sotto
Ti cerco nella vodka, ma poi non trovo posto
Farà gnorri-gnorri, ehi
Dove? Corri-corri, ehi
Abbassiamo i toni, si
Vorrei dieci Oki, ehi ehi
So quanto di lei lo può vedere pure un cieco
Vorrei abbracciarti però resta a mezzo metro-o-oh
Non so come andrà, non c’ho la palla di vetro
So solo che amo quel vedo/non vedo
E non capisco ancora quei tuoi punti e virgola
Ti vorrei ogni mattina come in edicola
Vieni a casa mia con me

E io che già ragionavo per due
Ballavi ti tenevo per la gonna
Cercavo l’ombra
A Parco Gondar
E io che già ragionavo per due
Scappavi e ti tiravo per la gonna
Cercavo l’ombra

Quando m’hanno puntato una pistola
Il giorno dopo io l’ho detto a scuola
Ero tranquillo, forse solo scemo
A volte se mi sei vicino tremo
Quando m’hanno puntato una pistola
E il giorno dopo io l’ho detto a scuola
Ero tranquillo, forse solo scemo
A volte se mi sei vicino tremo, oh-oh-ohh, oh-oh-ohh
A volte se mi sei vicino tremo, oh-oh-ohh, oh-oh-ohh
Oh-oh-ohh, oh-oh-ohh



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here