Per pianoforte e lacrine

Album

È contenuto nei seguenti album:

Testo Della Canzone

Per pianoforte e lacrine di Canzoni Napoletane

(Tonino Apicella)

Ságlieno, amare, ‘int’a ll’aria,
note pittate ‘e culore…
Cu na speranza ‘into core,
mme metto a suná.

Parlato:

Nu bicchiere ‘e whisky,
‘o pianoforte e chesta luna
mm’hanno gelato ‘o sango dint
e vvéne
e mo, mo sòno pe’ te chesta canzone
cu na lusinga ca mme fa campá…

Chesta canzone che piaceva a te…
ch’accarezzava ll’anema.
‘A stó’ sunanno io sulo ‘e senza ‘e te,
pecché fa bene chiagnere…
Aggio sbagliato: nun ce vò’ pietá,
t’aggio vuluto perdere…
Se dice ca chi sbaglia ha da pavá
e stó’ pavanno giá…
E chiagne, chiagne pure ‘o pianoforte…
pare ca se lamenta sotte mmane…
pur’isso se lusinga ca, dimane,
tu arape ‘a porta e tuorne ‘mbracci’a me…
Mo désse ‘a vita mia pe’ te vedé…
ma nun tengo cchiù lacreme…
e chesta è n’ata notte senza ‘e te…
Senza ‘e te…

Tanno s’apprezza nu bene
quanno ll’avimmo perduto!
Io, ca nun ll’aggio capito,
mo chiagno pe’ te!

Parlato:

T’arricuorde?…
T’arricuorde
quanno mme dicive cuntinuamente:
Te voglio bene…
Te voglio bene…
E i’ nun aggio maje capito niente!
Maje! Maje!

Chesta è ‘a canzone che piaceva a te…
ch’accarezzava ll’anema…

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here