Piano man – Pierangelo Bertoli

Album

È contenuto nei seguenti album:
1985 Petra

Testo Della Canzone

Piano man – Pierangelo Bertoli di Pierangelo Bertoli

Cover di Piano man – Billy Joel versione italiana di P.Bertoli

Le nove di sera di un sabato, già la solita gente vien giù.
C’è un vecchio qui accanto a me, corteggia un bicchiere di più.
Dice senti mi canti una musica la più triste e più dolce che c’è,
un’antica canzone non ricordo il suo nome, una storia vissuta da me.

Na na na na na na na na na…..

Canta i tuoi sogni di piano man, cantaci i sogni che sai.
C’è nell’aria una voglia di melodia l’atmosfera è la giusta ora vai.

Toni il barista è amico mio mi fa bere per complicità,
ed è pronto a scherzare o a farmi fumare, ma vorrebbe cambiare città.
Dice “Penso che sto per morirne” e il sorriso gli sfuma a metà
so che posso sfondare nel cinema, solo uscissi al più presto di qua.

Na na na na na na na na na…..

Renzo fa il romanziere da secoli sa descriverti i sogni che fai,
parla fitto a Renato che è ancora soldato e che forse non ne uscirà mai.
Cameriera che guarda politica ricchi sbronzi seduti più in là,
serve un cocktail che da solitudine e gli toglie sensibilità
Na na na na na na na na…..

Canta i tuoi sogni di piano man……..

C’è tanta folla di sabato e il padrone è contento di me
perché sa che la gente non pensa più a niente, si diverte e non chiede quant’è.
Ora il piano risuona di luna park e il microfono odora di gin
hanno pallide guance e danno solide mance e poi chiedono “cosa fai qui?”

Na na na na na na na na……

Canta i tuoi sogni di piano man , cantaci i sogni che sai
c’è nell’aria una voglia di melodia
l’atmosfera è la giusta ora vai. (rip.)

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell’autore. WikiTesti è un’enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

[nextpage title=”Accordi per chitarra”]

Accordi

   

   La                La/sol#       Fa#- Fa#-/mi  Re                 Re/do#
Si     Mi
Le nove di sera di un sabato                   già la solita gente vien giù.
   La                    La/sol#
C'è un vecchio seduto qui accanto a me, gorgheggia un bicchiere di più.

Dice senti mi canti una musica la più triste e più dolce che c'è,

un'antica canzone non ricordo il suo nome, una storia vissuta da me.

Na na na na na na na na na.....

Canta i tuoi sogni di piano man, cantaci i sogni che sai.

C'è nell'aria una voglia di melodia l'atmosfera è la giusta oramai.

Toni il barista è amico mio mi fa bere per complicità,
ed è pronto a scherzare e afarmi fumare ma vorrebbe cambiare città.
Dice penso che sto per morirne e il sorriso gli sfuma a metà
so che posso sfondare nel cinema, solo uscissi al più presto di quà.

Na na na na na na na na na.....

Renzo fa il romanziere da secoli sa descriverti i sogni che fai,
parla fitto a Renato che èancora soldato e che forse non ne uscirà mai.

Cameriera che guardi politica ricchi sbronzi seduti più in là,
serve un cocktail che da solitudine e gli toglie sensibilità

Na na na na na na na na.....

Canta i tuoi sogni di piano man........

C'è tanta folla di sabato e il padrone è contento di me
perchè sa che la gente non pensa più a niente
si diverte e non chiede quant'è.

Ora il piano risuona di luna park e il microfono odora di gin
hanno pallide guance e danno solide mance e poi chiedono cosa fai qui?

Na na na na na na na na......

Canta i tuoi sogni di piano man , cantaci i sogni che sai
c'è nell'aria una voglia di melodia
l'atmosfera è la giusta oramai. (rip.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here